Allarme sanità: troppo bambini negli ospedali

Allarme sanità: troppi bimbi in ospedale, spesso senza reali necessità

Allarme lanciato dal Ministero della Salute in materia di tutela dei bambini: secondo gli ultimissimi dati raccolti, è particolarmente elevato il numero di adolescenti e bimbi in ospedale. Bimbi che inoltre troppo spesso ricorrono a farmaci in quantità e qualità eccessive.
Troppi ricoveri / L’Italia ha un tasso di ospedalizzazione pediatrica superiore a quello di altre nazioni: nella fascia di età compresa tra zero e 14 anni è del 75 per 1000. In Regno Unito e in Spagna, invece, si attesta al 50-60 mentre negli Stati Uniti è inferiore al 40. Tra le principali motivazioni di ricovero per le persone di età compresa fra 1 e 17 anni, figurano malattie di carattere respiratorio, traumi, avvelenamenti.
Allarme

Allarme Sanità: troppi bimbi negli ospedali

Il ministro della Salute Renato Balduzzi ha affermato che per ridurre il tasso di ospedalizzazione, che rappresenta un problema per ospedali e i bambini stessi naturalmente (eccessivo uso di farmaci, lontananza da casa ecc..), occorrerebbe prima di tutto che i pediatri operino in gruppo nel contesto di una struttura multispecialistica e multiprofessionale integrata”. Gli esperti che hanno redatto il Quaderno propongono alcune soluzioni per ovviare al problema: “Si può pensare a specifici progetti, come la realizzazione di un prontuario nazionale a uso pediatrico, studi epidemiologici ad hoc, coinvolgimenti attivi e partecipati degli operatori sanitari e strumenti formativi e informativi rivolti invece alla popolazione generale”.


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile domani: tempo in generale miglioramento

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 17 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Auguri di Buon Natale e buone feste: frasi per bigliettini e da condividere

METEO A 7 GIORNI: qualche giorno di temperature più miti, qualche pioggia e qualche spruzzata di neve
Meteo a 15 giorni: tra perturbazioni e un po’ di alta pressione, ma per fine anno…