Greenpeace: 14 bombe ecologiche minacciano il mondo

Greenpeace: 14 bombe ecologiche minacciano il mondo. A rischio il futuro del Pianeta

Greenpeace: 14 bombe ecologiche minacciano il mondo: Greenpeace ha definito 14 progetti industriali di ampio raggio internazionale programmati per i prossimi anni delle bombe ad orologeria ecologiche. Si tratta di progetti che comporterebbero un aumento del 20% delle emissioni di CO2 e che andrebbero a destabilizzare definitivamente l’equilibrio climatico. Secondo Greenpeace Australia e Cina sarebbero le maggiori potenze che contribuirebbero all’aumento delle emissioni di CO2 nei prossimi decenni.

Il nemico numero uno sono i combustibili fossili. Infatti i progetti menzionati nel rapporto di Greenpeace riguardano l’aumento dell’estrazione del carbone e il suo consumo. Le stime dell’associazione ambientalista portano a concludere un aumento delle emissioni di CO2 pari a 300 miliardi di tonnellate entro il 2050 nel caso venissero portati a termine tali piani industriali.

Le  maggiori imputate nel rapporto di Greenpeace sarebbero le politiche economiche di Cina ed Australia che prevederebbero  un massiccio ricorso all’ estrazione ed utilizzo del carbone. Se la geopolitica continuerà a marciare nella direzione di un economia basata sul carbone o sugli altri combustibili fossili si aprirebbero gravi scenari sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista della stabilità politica internazionale già nei prossimi decenni.

Greenpeace: 14 bombe ecologiche minacciano il mondo

Greenpeace: 14 bombe ecologiche minacciano il mondo. Fonte: hawaiireporter.com


Articolo di Emiliano Sassolini


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 9 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Meteo : nevica sulle Alpi e nubi sulle tirreniche. In arrivo una fredda e instabile settimana!

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 8 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

***VIDEO*** rilievi delle Alpi SEPOLTI di NEVE
TEMPERATURE: tenace RESISTENZA del FREDDO sull’Europa nord-orientale…