Apple: trimestrale da urlo per le vendite, ma tasso di crescita che crolla dopo sei anni

Apple: vendite ok, ma cala il tasso di crescita e gli esperti temono il peggio

Apple / Record di vendite per l’azienda californiana, con sede a Cupertino.  Apple ha ufficialmente chiuso il primo trimestre considerato dall’esercizio fiscale 2013 con la superlativa cifra di 47,8 milioni di iPhone venduti e un ricavo totale di circa 55 miliardi di dollari. Valori eccezionali che la dicono lunga sul boom della “Mela” e in particolare dell’iPhone. Eppure c’è un però, e che però, ci verrebbe da dire! Il tasso di crescita secondo le ultime analisi risulta essere il più lento dal 2009 e dopo sei anni di progressivo aumento, sembra arrivato un calo inesorabile che molti si aspettavano.

Apple

Apple: vendite ottime ma trimestrale preoccupante per il tasso di crescita

L’utile netto di Apple è risultato pari a 13,1 miliardi di dollari, quasi invariato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E il balzo dei ricavi del 18% non basta a spazzare via i timori degli analisti sulle prospettive di crescita della società. Preoccupazioni che nelle ultime settimane hanno pesantemente penalizzato il titolo, facendogli perdere il 27% – circa 190 miliardi di dollari – dai picchi di settembre. Siamo soddisfatti dei ricavi record oltre i 54 miliardi di dollari e delle vendite di oltre 75 milioni di dispositivi iOS in un solo trimestre”, ha affermato comunque l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook. “Abbiamo fiducia nei nostri prodotti e continuiamo a concentrarci nell’innovazione e nel produrre i migliori prodotti al mondo”. 


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile domani: ancora maltempo, specie al centro-sud

Sciame delle Geminidi atteso fra oggi e domani: fino a 100 stelle cadenti all’ora!

Inondazioni in Vietnam: 13 vittime, muoiono 160.000 animali

PREVISIONI METEO: parentesi invernale sull’Europa ma da ovest sopraggiunge aria mite
Meteo a 15 giorni: conferme per un Natale FREDDO e PERTURBATO in Italia