Naso distrutto da un tumore: glielo rimettono sul braccio, potere delle staminali

Naso distrutto da un tumore: i medici glielo ricostruiscono sul braccio con l’impiego delle cellule staminali

Naso distrutto da un tumore / Ha dello straordinario e soprattutto la dice lunga sui progressi della scienza e della ricerca sulle staminali e sul loro impiego, la storia che viene da Londra e parla di un intervento molto delicato che ha permesso la ricostruzione di un naso e il suo “re-impianto” sull’avambraccio. E’ l’incredibile caso di un uomo, malato gravemente di tumore, che in una forma aggressiva gli aveva fatto addirittura “perdere” il suo naso. Guarita per fortuna tale forma di tumore, i medici e i ricercatori di un Università londinese, si sono impegnati nel ricostruire il naso.  

Naso distrutto da un tumore

Naso distrutto da un tumore: eccoglielo ricostruito sul braccio, poi verrà nuovamente trapiantato sulla faccia

Sebbene il lavoro sia ancora da ultimare, si può affermare che esso sia riuscito ed il naso risulta essere identico a quello originale, lieve asimmetria a sinistra del paziente inclusa. Con esso il paziente riacquisterà anche il senso dell’olfatto: il “nuovo naso” sarà infatti trasferito attraverso un nuovo intervento di chirurgia e trapianto,  dal braccio al volto del paziente, che così dovrebbe riacquistare per l’appunto l’olfatto e potrà ritornare ad usare normalmente il suo naso. Il nuovo naso e’ stato fatto crescere a partire da un modello di vetro spruzzato di un materiale sintetico che ha creato una ‘impalcatura’ per le staminali del paziente.

Potrebbe interessarti anche l’articolo “ARANCE DELLA SALUTE per la lotta contro il Cancro, ecco il programma



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Lombardia : debole scossa di terremoto nel bresciano zona Chiari – dati INGV ( 9 dicembre 2018)

Venti tempestosi in Sicilia : danni e alberi caduti tra Palermo e Messina

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 9 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Una nuova perturbazione tra giovedì 13 e venerdì 14: NEVE a bassa quota al nord?
***VIDEO*** rilievi delle Alpi SEPOLTI di NEVE