ALLARME OBESITÀ in Italia: il maggior numero di obesi è in Molise

ALLARME OBESITÀ in Italia: al Molise la statistica peggiore con 1 obeso ogni sette abitanti

ALLARME OBESITÀ in Italia / Non buone notizie quelle sull’obesità in Italia: Coldiretti ha diffuso gli ultimi dati aggiornati ed è emerso che la media a livello nazionale di obesità si aggira intorno al 10%. Siamo leggermente in discesa rispetto alle ultime analisi, ma il dato resta preoccupante. La Coldiretti evidenzia, sulla base delle serie storiche dello stesso Istat, un’inversione di tendenza: nonostante i problemi di peso permangano, infatti, per la prima volta in vent’anni gli italiani sono più magri. Ma poiché la causa di ciò è attribuita alla crisi a risentirne è la qualità dell’alimentazione. Costante ad esempio l’utilizzo di pista e pazza nella nostra dieta, ma cala l’apporto di frutta e verdura.
ALLARME OBESITÀ in Italia

ALLARME OBESITÀ in Italia: record in Molise

L’allarme proviene dal Molise, dove in media una persona su sette risulta essere obesa. Seguono la Basilicata con una media del 13,1%, e la Puglia con il 12,6%. Le spese calcolate relative all’obesità arrivano a 23 miliardi di euro dei quali una parte è a carico del  Sistema Sanitario Nazionale. Il Presidente della Società italiana di chirurgia dell’obesità, in seguito all’analisi diffusa da Coldiretti ha affermato: “Anche se si tratta di numeri inferiori rispetto a quelli di altre nazioni europee non dobbiamo sottovalutare la situazione. Il numero degli obesi italiani è cresciuto del 25 per cento dal 1994 a oggi e anche nelle regioni settentrionali”.


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


L’arcobaleno perfetto e circolare : video mozzafiato

Meteo Protezione Civile domani: tempo generalmente stabile, ma con peggioramento serale

Incendio stabilimento rifiuti a Roma: forte odore acre fino al centro della capitale. “CHIUDERE LE FINESTRE”.

PREVISIONI METEO: l’aria fredda raggiunge l’Italia ma dal prossimo weekend…
Dove potrebbe nevicare GIOVEDI 13 secondo la PROTEZIONE CIVILE?