Naso perso dopo un tumore, viene ricostruito sul braccio

Naso perso dopo un tumore, viene ricostruito sull’avambraccio grazie alle cellule staminali

Naso perso dopo un tumore / Lo studio sulle cellule staminali fa progressi sempre maggiori, e supporta la chirurgia per interventi talvolta anche straordinari. E’ il caso di ciò è successo a Londra, per merito di un team di ricercatori e dottori di un Università britannica: un uomo, un imprenditore poco sopra la cinquantina, dopo aver perso il naso in seguito ad una forma molto aggressiva di tumore facciale, è stato operato e gli è stato ricostruito il naso e posto sull’avambraccio.

Sebbene il lavoro sia ancora da ultimare, i medici sono entusiasti ed il naso risulta essere identico a quello originale. L'”esperimento” può dirsi ben riuscito. Con esso il paziente riacquisterà anche il senso dell’olfatto: il “nuovo naso” sarà infatti trasferito attraverso un nuovo intervento di chirurgia e trapianto,  dal braccio al volto del paziente, che così dovrebbe riacquistare per l’appunto l’olfatto e potrà ritornare ad usare normalmente il suo naso. Dunque il braccio sarà una sede temporanea.

Naso perso dopo un tumore, viene ricostruito sul braccio

Naso perso dopo un tumore, viene ricostruito sul braccio

L’operazione è partita con un prelievo di una piccola porzione di midollo osseo dell’uomo. Successivamente a tale operazione si sono fatte crescere cellule staminali su uno stampo di vetro che ricalcava la forma del naso dell’uomo.  Lo stampo è stato ricoperto da un materiale sintetico, in modo che le cellule proliferassero e poi fossero incubate in un bioreattore con delle sostanze nutrienti. Nel braccio del paiente è stato inserito anche un palloncino per creare lo spazio per la crescita del naso.



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile domani: maltempo e neve in pianura in arrivo al Nord

Castelluccio di Norcia innevata : foto suggestive

Nuova perturbazione in arrivo: neve al Nord Mercoledì 19

Influenza: qualche consiglio su come evitare spiacevoli sorprese
Meteo a 15 giorni: tempo instabile, poi FREDDO?