Google e Francia: la “guerra” sull’editoria si è risolta

Google e Francia: la “guerra” sull’editoria si è risolta con l’azienda di Mountain View che verserà 60 milioni di euro in un fondo per aiutare i media francesci

Google e Francia, la guerra sull’editoria / Finalmente, dopo una lunga “guerra” che ha avuto anche ampio riscontro mediatico, fra l’azienda di Mountain View e la Francia sulla questione della richiesta remunerazione degli editori francesi da parte dei motori di ricerca. , ecco la risoluzione.

Google e Francia

Google e Francia

Riportiamo ciò che si apprende sul sito dell’Agi: “Google e la Francia hanno raggiunto un accordo che prevede un compenso per i siti dei media francesi indicizzati dal motore di ricerca. “La Francia”, ha riferito l’Eliseo in un tweet dopo la firma di Francois Hollande e del capo di Mountain View, Eric Schmidt, “e’ orgogliosa di aver raggiunto un’intesa con Google, la prima del genere nel mondo”.
In particolare Google versera’ 60 milioni di euro in un fondo per aiutare i media francesi a sviluppare la loro presenza in rete e offrira’ ai media francesi uno sconto sulle proprie piattaforme pubblicitarie.
L’intesa chiude un braccio di ferro tra le parti che dura almeno da ottobre, quando Parigi minaccio’ di introdurre una tassa sui motori di ricerca e Google replico’ che non avrebbe piu’ indirizzato gli utenti verso i siti del media francesi.
Questi ultimi chiedevano una percentuale sui guadagni legati alle ricerche che approdavano sulle loro pagine, ma Mountain View aveva replicato che questo avrebbe minacciato “l’esistenza stessa di Google” .”


 

Seguiteci anche su facebook!

 


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Nuova perturbazione in arrivo: neve al Nord Mercoledì 19

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 18 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Meteo : venti forti al sud, gran gelo al nord per le “inversioni” ed “effetto albedo”

Meteo a 15 giorni: tempo instabile, poi FREDDO?
Dove NEVICHERA’ mercoledi 19 dicembre secondo la PROTEZIONE CIVILE?