CINGHIALI RADIOATTIVI: la sconvolgente scoperta, ora indagano NAS e NOE

CINGHIALI RADIOATTIVI IN PIEMONTE – In 27 animali, precisamente cinghiali,  sono state ritrovate tracce di sostante radioattive, in quantità nettamente superiori (circa 10 volte) rispetto al limite consentito. L’area geografica è quella della Valsesia, in provincia di Vercelli, in Piemonte. La sostanza incriminata è il cesio 137, che riporterà alla mente di molti l’incubo Cernobil. Proprio Cernobil potrebbe essere la causa, per alcuni, tuttavia per altri appare poco probabile, vista la notevole distanza dell’area in questione dove sono stati abbattuti i cinghiali, rispetto alla località del disastro nucleare che fu.

I carabinieri del Nas e del Noe sono stati attivati dal Ministero della Salute, al fine di indagare sulla questione e fare chiarezza. Si cercherà di risalire alla “terra contaminata” dal cesio, considerando i percorsi degli animali. Per approfondire sul Cesio, clicca qui.

CINGHIALI RADIOATTIVI

CINGHIALI RADIOATTIVI In Piemonte, indagano NAS e NOE


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Protezione Civile: MALTEMPO E NEVICATE domani, ecco il bollettino dettagliato

La Pastiera Napoletana: come si prepara il dolce tipico partenopeo famoso in tutta Italia (video ricetta)

Intensa e rara scossa di terremoto in tennessee: avvertita ad Atlanta

PREVISIONI METEO: rialzo termico nel weekend ma ci sono novità a lungo termine
Meteo a 15 giorni: il tempo di Natale influenzato da stravolgimenti stratosferici?

COMMENTS