Previsioni meteo 31 Maggio 2013 Italia: Bollettino della Protezione Civile

Previsioni meteo 31 Maggio 2013 per l’Italia: Bollettino di vigilanza e previsioni del tempo a cura della Protezione Civile.

Il bollettino e le previsioni del tempo per l’Italia sono a cura e di proprietà della Protezione Civile. Per informazioni e maggiori aggiornamenti si rimanda al sito principale.

Precipitazioni:
– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Lazio meridionale e Campania, con quantitativi cumulati generalmente moderati;
– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Friuli Venezia Giulia, Veneto settentrionale, settori alpini della Lombardia, sull’Alto Adige, sui settori orientali di Umbria e Lazio, sulle zone appenniniche di Abruzzo e Molise, su Sardegna e settori tirrenici di Basilicata e Calabria centro-settentrionale con quantitativi cumulati da deboli a localmente moderati.
– isolate, anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto delle zone alpine e del Triveneto, sulle restanti zone di Umbria, Lazio, Basilicata e Molise, su Toscana e Puglia centro-settentrionale con quantitativi cumulati generalmente deboli.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: nessuna variazione significativa.
Venti: localmente forti occidentali su Sardegna e su tutte le regioni peninsulari, con locali raffiche sulle zone tirreniche, sull’isola e sulle zone appenniniche e localmente di Garbino sulle zone Adriatiche.
Mari: molto mossi tutti i bacini occidentali e localmente lo Ionio; localmente agitato il Mare di Sardegna.

Fonte: Sito del Dipartimento della Protezione Civile


Articolo di Valentina Desimini


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Maltempo Pescara : superati i 200 mm, allagamenti e disagi. Domani scuole chiuse

Puglia : nubifragi, allagamenti e disagi in Salento. Superati i 160 mm

Meteo domani: migliora al Centro, maltempo con rischio nubifragi al Sud

MODELLO EUROPEO: il punto della situazione sul cambiamento del tempo di fine ottobre
PREVISIONI METEO: rinforzo effimero dell’altra pressione, poi un grande cambiamento entro fine ottobre