Vulcani a Fiumicino (Roma) in ulteriore espansione, aria irrespirabile: ecco un sensazionale video dall’alto

I vulcanetti di fango nell’area di Fiumicino di cui vi abbiamo ampiamente parlato e illustrato immagini nell’ultimo periodo, continuano la loro attività, osservati da vicino da esperti e addetti della Protezione Civile. Recentemente è stato individuato un ulteriore piccolo edificio vulcanico con fuoriuscita di vapore in prossimità della costa romana (ne abbiamo parlato qui, disponibili anche delle immagini). Per quanto concerne l’area della  rotonda di via Coccia di Morto, i due vulcanetti risultano in relativa espansione: le segnalazioni dal posto riferiscono di emissioni di gas evidenti ed anche rumore piuttosto forte, che attira l’attenzione di passanti e curiosi. Ma l’elemento piu’ preoccupante è l’odore cattivo che porta a respirare a fatica.

“L’anidride carbonica è presente nell’aria che respiriamo, si ricorda, in percentuali del 0,04%, ma se supera il 5% diventa letale per gli uomini e per gli animali e se la bolla di gas quindi, dovesse espandersi ulteriormente, ciò diverrebbe un pericolo concreto per gli abitanti della zona, e una possibile evacuazione sarebbe da mettere in conto. Sono arrivati negli ultimi giorni nella zona di Via Coccia di Morto anche ricercatori e studiosi americani della Indiana University, che indagano assieme ai colleghi dell’Ingv e dell’Università della Sapienza di Roma sull’evento.

Vulcani a Fiumicino (Roma) in ulteriore espansione, aria irrespirabile

Vulcani a Fiumicino (Roma) in ulteriore espansione, aria irrespirabile

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo oggi: condizioni di instabilità, attese piogge e temporali

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, 17 Ottobre

Inondazioni in Texas: crolla ponte nel fiume Llano

NUBE di FUMO su MILANO: tanta puzza ma…
Il METEO sulla carta del tempo: ancora un po’ di MALTEMPO nel Mediterraneo…