Arriva la falsa influenza che mette a letto oltre 100000 italiani

Influenza: crescita di casi negli ultimi giorni, ma gli esperti affermano: non è il virus stagionale ma forme simili meno intense.

Come avrete già sentito, sono in molti gli italiani a letto per via di un virus simil-influenzale che nelle ultime ore risulta in decisa espansione, complici anche gli accentuati sbalzi termici e l’elevato tasso di umidità in molte zone della penisola. Non si tratta naturalmente del virus stagionale vero e proprio, bensì da una tipologia simile che comunque sta mettendo a dura prova la salute di molte persone, che lamentano sintomi come raffreddore, tosse, febbre a volte anche alta e dolori sparsi per il corpo (sintomi definiti “para-influenzali”). Dunque caratteristiche simili a quelle del noto virus stagionale, anche se nel complesso tale forma sembra meno intensa. . Solo nell’ultima settimana sono stati registrati circa 120 mila nuovi casi.

Per quanto riguarda l’influenza, si ricorda che la campagna vaccinale è partita il 15 ottobre. Si tratta di un vaccino trivalente, ma “si sta lavorando affinché in un prossimo futuro sia disponibile anche in Europa, mentre lo è già in Usa, un vaccino quadrivalente che, contenendo 4 ceppi di virus, potrà garantire una ancora maggiore protezione”.

L’influenza stagionale potrebbe essere meno dura di altri anni: gli esperti prevedono quest’anno un numero complessivo di casi di influenza in Italia intorno ai 4 milioni, ben al di sotto quindi dell’anno scorso, quando ci furono 6,5 mln di casi. Questo perchè, secondo i medici, i virus dovrebbero essere più simili a quelli della passata stagione. Molto però dipenderà dalle temperature e dalle dinamiche meteo-climatiche della stagione invernale.



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, 17 Ottobre

Inondazioni in Texas: crolla ponte nel fiume Llano

Marche : scossa di terremoto moderata avvertita ad Ascoli Piceno – 16 ottobre 2018

MODELLO EUROPEO: l’arrivo del primo FREDDO sul nord-est Europa
MODELLO AMERICANO: uno sguardo al presente per capire il futuro