Nuova forte perturbazione domani 5 Febbraio: colpirà buona parte d’Italia

Domani 5 Febbraio nuova perturbazione. Sarà forte sul Nord-Ovest, specie Liguria. 

Nessuna tregua sotto il profilo meteorologico per la penisola. Una nuova ondata di maltempo raggiungerà infatti nelle prossime ore l’Italia settentrionale e domani si manifesterà sotto forma di piogge e temporali su molte regioni. Seguendo ormai il consolidato trend all’insegna del continuo afflusso di correnti instabili atlantiche, l’ennesimo impulso oceanico andrà ad instabilizzare dapprima il tempo sulle regioni del Nord-Ovest, poi anche sulle regioni centrali e del Nord-Est, a seguito dello spostamento vero Levante del minimo depressionario.

Sintesi previsionale 5 Febbraio: maltempo già dal mattino al Nord, specie al Nord-Ovest e Friuli, generalmente stabile al Centro e al Sud ma con nuvolosità diffusa e a tratti compatta. Fra pomeriggio-sera peggioramento piu’ marcato sul Settentrione: piogge e temporali anche intensi su Liguria, Piemonte, Emilia occidentale, alta Toscana, estensione dei fenomeni entro sera anche a Lombardia e Nord-Est, e alle regioni centrali tirreniche. Nevicate attese al Nord-Ovest, Lombardia, fino a bassa quota (400-600 metri), localmente piu’ in alto al Nord-Est. Lunedì 6 Febbraio il maltempo si sarà spostato rapidamente al Centro-Sud mentre migliorerà al Nord. I fenomeni comunque dureranno poco e già lasceranno spazio alle schiarite nella seconda parte del giorno sulle regioni centro-meridionali.

Nuova perturbazione domani 5 Febbraio

Nuova perturbazione domani 5 Febbraio sull’Italia: colpirà soprattutto il Nord e la Toscana


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Erutta vulcano Krakatoa: fotografo in barca a pochi metri dalle esplosioni [VIDEO]

Meteo oggi: forti temporali sulle isole, rischio nubifragi

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 17 ottobre 2018 (ultimi terremoti, orario)

MALTEMPO: il passaggio temporalesco della prossima settimana (le mappe)
ARIA FREDDA in arrivo la prossima settimana: quanti GRADI perderemo?