Week end con caldo africano: Ministero Salute dirama livelli di allerta

Prima vera ondata di caldo di stampo estivo in arrivo dal week end. L’anticiclone africano in procinto di interessare tutta la penisola apporterà valori termici elevati soprattutto al Centro-Nord: il Ministero della Salute ha infatti emesso il bollettino sull’ondata di calore con vari livelli di allerta per le principali città.

Per domani Sabato 7 Giugno previsti solo livelli di pre-allerta (livello 1), nelle seguenti città: Bolzano, Perugia, Roma. Per Domenica 8 Giugno invece stato di pre-allerta esteso alle città di: Bologna, Brescia, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Roma, Torino, Verona, Viterbo. Livello 2 (allerta) nella città di Bolzano.

 

E’ facile attendersi bollettini con maggiori città interessate dal livello di allerta per i primi giorni della prossima settimana, quando il caldo dovrebbe ulteriormente intensificarsi.

Week end con caldo africano: Ministero Salute dirama livelli di allerta

I livelli vanno da 0 a 3 (da zero a tre).

Il livello 1  di pre-allerta indica condizioni meteorologiche che possono precedere il verificarsi di un’ondata di calore.

Questo livello non richiede azioni immediate, ma indica  che nei giorni successivi è probabile che possano verificarsi condizioni a rischio per la salute.

Il livello 2  indica condizioni meteorologiche che possono rappresentare un rischio per la salute, in particolare nei sottogruppi di popolazione più suscettibili.


Per approfondire potete cliccare qui.


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Previsioni Meteo : nuova perturbazione dal week-end, arriva la neve in pianura?

Sabato ventoso: raffiche fin’oltre gli 80 km/h fra Sicilia e Calabria. Ecco le zone più colpite.

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 14 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Facciamo il punto della situazione: considerazioni sul tempo delle prossime settimane
PREVISIONI METEO: l’aria fredda non riuscirà ad abbandonare l’Italia tanto facilmente