Allerta Meteo Liguria : rischio temporale autorigenerante nelle prossime ore fra Genova e La Spezia

Allerta Meteo Liguria / Come vi abbiamo già accennato nel precedente editoriale sul maltempo, un nuovo sistema temporalesco potrebbe giungere su Genova nel corso delle prossime ore. Gli ultimissimi aggiornamenti dei modelli matematici a nostra disposizione mostrano una chiara possibilità affinchè venga a formarsi fra la notte e il pomeriggio di Venerdi un violento temporale V-Shaped sulla Liguria e precisamente fra il genovese e lo spezzino (obiettivo dunque la Riviera di Levante).
Il temporale verrà a formarsi lungo una classica linea di convergenza fra le correnti di Scirocco provenienti da sud-est, e la Tramontana proveniente dall’entroterra genovese. Pertanto lo scontro fra queste diverse masse d’aria con temperature nettamente differenti potranno permettere la formazione di un violento temporale autorigenerante (alimentato dal mar Ligure e dallo Scirocco impetuoso) il quale potrebbe con molta probabilità risultare anche stazionario a causa del blocco anticiclonico posto ad est che impedisce qualsiasi fuga delle correnti.
Dunque allerta meteo massima per le prossime 24 ore per possibili violenti temporali fra Genova e La Spezia, come indicato nella mappa, che potrebbero riversare al suolo quantitativi di pioggia significativi (anche superiori ai 200 mm in poche ore) andando ad aggravare le pesanti condizioni dei terreni e dei fiumi (rischio alluvioni e frane).

Meteo Liguria: Imperia | Savona | Genova | La Spezia



Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 17 ottobre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Nuova ondata di maltempo verso la Sicilia: attenzione ai fenomeni violenti domani

Previsioni meteo: aumentano le probabilità dell’arrivo del freddo la prossima settimana

MODELLO EUROPEO: si apre un periodo dominato da correnti settentrionali, ecco cosa potrebbe succedere
PREVISIONI METEO: rinforzo dell’alta pressione sull’Europa, poi…