Si avvicina il gelo continentale, molte regioni a rischio neve intensa nei prossimi giorni

Previsioni Meteo/ Come già vi abbiamo accennato nella giornata di Giovedi, l’Italia si appresta a vivere un importante fase di maltempo di stampo fortemente invernale come da anni non si verificava. Vaste masse d’aria fredda di origine continentale provenienti dall’Europa nord-orientale si muoveranno a partire da Domenica a causa dell’impennata dell’anticiclone delle Azzorre verso le alte latitudini (Gran Bretagna e Scandinavia) andando a creare un vero e proprio blocco anticiclonico.
Le correnti gelide da nord-est andranno a colpire, a partire da Lunedi, tutto il versante adriatico e il Sud Italia provocando un sensibile calo delle temperature e condizioni di spiccata instabilità. La neve cadrà sin sulle pianure e le coste grazie alle temperature molto basse attese a tutte le quote (attesi valori vicini ai -14°C a 850hpa, circa 1300/1400 metri sul Centro Italia, -10°C sul basso Adriatico). Tantissima la neve che cadrà sull’Appennino orientale con accumuli che potranno risultare davvero proibitivi.
L’aria gelida persisterà sino a Giovedi/Venerdi, dunque sino ai primi giorni del nuovo anno, su tutto il Mediterraneo centrale provocando nevicate diffuse sino a quote di pianura su Puglia, Basilicata, Molise, Abruzzo, Marche e a quote molto basse su Campania, Calabria e Sicilia. Gelo secco al Nord e su Toscana e Lazio, tuttavia ancora da confermare.
Seguiteci nei prossimi aggiornamenti per maggiori dettagli. L’Inverno sta premendo il piede sull’acceleratore!

GUARDA IL TEMPO DELLA TUA CITTà, E CONSULTA LE ULTIME NOTIZIE, CLICCA QUI



Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 21 novembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

California: il gattino salvato dal pompiere che non abbandona il suo salvatore

Paura sul volo Cagliari-Roma: fulmine centra l’aereo Alitalia. “Una forte luce dentro l’aereo”.

Meteo a 15 giorni: anticiclone alla riscossa? Ne siamo proprio sicuri?