Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 1 Gennaio 2015 (ultimi terremoti)

Terremoto in tempo reale INGV : riepilogo sismico di oggi 1 Gennaio 2015 in Italia. Monitoraggo scosse in diretta.

Terremoto in tempo reale INGV/ Nel corso della giornata odierna 1 Gennaio 2015 i sismografi dell’INGV hanno rilevato diverse scosse di terremoto nel sottosuolo italiano.
Le scosse, avvenute tutte fra notte e prime ore della mattina, si sono concentrare in gran parte in Emilia Romagna :

– alle 02.57 scossa lieve di magnitudo 2.0 avvertita in Umbria nel bacino di Gubbio
– alle 03.54 lieve scossa di magnitudo 2.4 sulla scala Richter registrata in Calabria, precisamente nel vibonese fra Vazzano e Filogaso dove è stata lievemente avvertita.
– alle 06.49 lieve scossa di magnitudo 2.1 registrata in Romagna, fra Camugnano e Porretta Terme (sull’appennino bolognese).
– alle 08.03 scossa di magnitudo 2.3 registrata ma non avvertita sull’appennino forlivese, sempre in Romagna, e precisamente nei pressi di Civitella di Romagna.
– alle 09.00 scossa avvertita in Emilia, precisamente fra Mirandola e Finale Emilia, cn magnitudo 2.5 sulla scala Richter ed ipocentro fissato a soli 5 km di profondità.

Altrove nulla da segnalare al momento.

Rete sismica di monitoraggio disponibile QUI.
Aggiornamenti anche sulla Pagina Facebook con monitoraggio in diretta —> QUI

Hai avvertito il terremoto? Segnalalo QUI

SCARICA L’APP GRATUITA DI INMETEO !

INGV Terremoto in tempo reale 1 Gennaio 2015, un servizio offerto da InMeteo.net


TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Immagini Santa Irene, da scaricare e condividere per fare gli auguri di buon onomastico

Meteo : prossima settimana si piomba in tardo autunno, crollo delle temperature e venti forti!

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, generale stabilità sull’Italia

MODELLO EUROPEO: nuove insidie di tempo instabile sul finire di ottobre
INQUINAMENTO: le contraddizioni delle amministrazioni comunali