Vesuvio, rischio eruzione: definita la nuova zona gialla

Comunicato AGI: sono 63 i comuni dell’area vesuviana del Napoletano inclusi nella nuova ‘zona gialla’ , insieme ai quartieri dell’aria orientale di Napoli di Barra, San Giovanni e Ponticelli. A darne l’annuncio, l’assessore campano alla Protezione civile Edoardo Cosenza, dopo l’approvazione della nuova proposta di delimitazione dell’area in giunta e il relativo accordo con il Dipartimento nazionale della Protezione civile. I tre quartieri del capoluogo campano e i comuni hanno un territorio che ricade all’interno o e’ intersecato dalla curva di probabilita’ di superamento del 5% del carico di 300 kg/mq determinato dall’accumulo di ceneri vulcaniche.

La definizione di quest’area, cui si e’ giunti in raccordo con il Dipartimento della Protezione civile, si basa su recenti studi e simulazioni della distribuzione a terra di ceneri vulcaniche prodotte da un’eruzione sub-pliniana, in funzione della direzione variabile del vento. Dunque un’area che verrebbe interessata non direttamente dalle colate di lava (zona rossa), ma dalla pericolosissima cenere vulcanica.

“La delibera regionale – ribadisce il capo del Dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli – e’ un ulteriore tassello del complesso puzzle che e’ la pianificazione di emergenza. Si aggiunge infatti al decreto del presidente del Consiglio dei Ministri sull’aggiornamento della zona rossa vesuviana, agli indirizzi per l’aggiornamento della pianificazione che devono essere pubblicati in Gazzetta Ufficiale. E ancora una volta emerge come la condivisione dell’intero percorso all’interno del Servizio nazionale della protezione civile sia fondamentale, partendo proprio dai Comuni”.


TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo domani: nebbie al Nord, tanto sole al centro Sud

Meteo Protezione Civile domani 13 Novembre: tempo generalmente stabile

Liguria: rientrato allarme dispersi nella zona di Pegli

PREVISIONI METEO: Il primo FREDDO di stagione entro il prossimo weekend
METEO A 7 GIORNI: rinforza l’anticiclone sull’Europa, poi un raffreddamento delle temperature