USGS: aumentano le probabilità di un violentissimo terremoto magnitudo 8

Preoccupante report scaturito da studi e analisi degli ultimi anni diffuso dai maggiori esperti dell’USGS (Geological system degli Stati Uniti). Secondo il centro di sismologia fra i più accreditati al Mondo, la California ha di fronte sé la quasi certezza di essere colpita da un catastrofico terremoto entro la metà del secolo, quindi nei prossimi 30 anni.

GUARDA ANCHE: LE ULTIME SCOSSE AVVENUTE  IN ITALIA >>

Il rischio dell’evento sismico epocale è stato alzato al 7%, dal precedente 4,7%. Una percentuale che in questo ambito vuol dire molto. Secondo lo studio – chiamato “Terza previsione di terremoto di rottura in California” – le probabilità di un terremoto di magnitudine 8 della scala Richter sono più alte nella California del Nord (95%), che in quella del Sud (93%). Un terremoto di tale intensità provocherebbe distruzione delle strutture esistenti, profonda fessurazione del suolo, frane, maremoti, grave pericolo per le popolazioni. Inoltre la ricerca afferma che vi è una probabilità del 93% (quasi certezza) di un terremoto di almeno sette gradi nello stesso periodo e il 48% di un terremoto almeno di magnitudo 7,5.

“In passato avevamo semplificato eccessivamente il ruolo della faglie, considerandole isolate e a se stanti”, ha osservato il sismologo, Ned Field,autore del rapporto. “Ora, mentre abbiamo identificato più faglie in California, è divenuto evidente che ciò che abbiamo di fronte è un sistema ben più vasto e collegato di faglie che presenta quindi più opportunità di fratture”. Una previsione così negativa deriva da uno studio e una comprensione più approfonditi del ruolo delle faglie, quindi, che risultano essere interconnesse fra loro. La presenza di faglie multiple può essere un fattore determinante per il famoso “big one”, vale a dire il grande terremoto dai risvolti catastrofici.

 Approfondimento: The Big One (“quello grosso”, come viene chiamato negli Usa) è il nome giornalisticamente dato ad un possibile futuro terremoto che potrebbe essere uno dei più potenti mai verificatisi negli Stati Uniti, superiore al settimo grado della Scala Richter. Questo terremoto potrebbe scatenarsi come conseguenza dell’elevato accumulo di energia nella Faglia di Sant’Andrea, che attraversa la California per 1300 km e si trova tra la placca nordamericana e la placca pacifica, che scorrono in senso opposto. La faglia passa vicino a molte città, tra cui San Francisco e Los Angeles, che sarebbero messe in forte pericolo dal Big One.
Alcuni studi realizzati nel 2005 affermano che le probabilità che il Big One colpisca la California entro 30 anni a partire dalla data dello studio sono molto alte: il 67% delle probabilita dicono che colpirá Los Angeles, il 63% S. Francisco.


TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Nuova ondata di maltempo verso la Sicilia: attenzione ai fenomeni violenti domani

Previsioni meteo: aumentano le probabilità dell’arrivo del freddo la prossima settimana

Maltempo in Basilicata e nel materano: fiumi di fango sulla strada provinciale Cavonica [VIDEO]

MODELLO EUROPEO: si apre un periodo dominato da correnti settentrionali, ecco cosa potrebbe succedere
PREVISIONI METEO: rinforzo dell’alta pressione sull’Europa, poi…