Eclissi solare 2015: la copertura prevista città per città

Eclissi solare 2015 – Si avvicina il grande evento astronomico dell’eclissi solare, che avviene nel giorno dell’Equinozio di Primavera, il 20 Marzo 2015. Sarà una data storica e sicuramente da ricordare per l’Europa: assistere ad un’eclissi di sole non è evento frequente e il fenomeno attira un gran numero di appassionati e curiosi. Per la prossima eclissi visibile in tutta Italia dovremo aspettare il 2022.

In Italia avremo un evento significativo, anche grazie al fatto che il Sole sarà piuttosto alto in cielo nella fase di eclissi. L’eclissi solare comincerà intorno alle 9 del mattino e raggiungerà l’apice verso le 10.30. L’area più fortunata in termini di intensità di eclissi, sarà quella del Nord Italia. Procedendo verso sud l’intensità andrà scemando. La copertura media sarà intorno al 65%. Ecco una panoramica delle principali città italiane con relativa percentuale di oscuramento.

Come si evince dalla mappa, le regioni settentrionali godranno di una maggiore copertura del disco solare: Aosta la città con la maggiore copertura (oltre il 70%). 

Le percentuali di oscuramento nelle principali città italiane. Naturalmente i valori per le città vicine a quelle indicate sono simili.

L’eclissi risulterà totale per alcuni paesi del Nord-Europa, parziale per la maggior parte del continente, tra cui la nostra penisola. L’Italia si troverà nell’area di penombraL’eclissi, spiegano gli scienziati, appartiene a una famiglia nota come Saros 120, una serie in cui ogni evento è separato dal precedente (e successivo, naturalmente) di 6.585,3 giorni, pari a 18 anni, 10 giorni e 8 ore.



Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile domani: freddo ma generalmente stabile

Arrivano le Geminidi : le stelle cadenti di dicembre!

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 10 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

MODELLO EUROPEO: una settimana di tempo freddo ma con un approdo mite
Settimana di tempo instabile invernale: vediamo cosa potrebbe succedere