Allerta Meteo Sicilia e Calabria : rischio nubifragi e grandinate fra Catania, Messina, Siracusa, Reggio

Allerta Meteo Sicilia e Calabria/ Una pericolosa squall line, legata al sistema depressionario che sta stazionando in queste ore sul Mediterraneo centrale, sta lentamente scorrendo sulla Sicilia andando ad intensificarsi col passare dei minuti.
Questa pericolosa linea temporalesca che, come potete osservare dalle immagini satellitari, si estende da nord verso sud per tutta la Sicilia, è attualmente posizionata fra trapanese, agrigentino e palermitano dove vengono segnalati rovesci di forte intensità, tuoni, fulmini e anche qualche grandinata.

Data l’elevatissima instabilità presente fra Sicilia e Calabria, determinata da altissima convergenza delle correnti al suolo e divergenza in alta quota, assisteremo ad una ulteriore intensificazione della squal line in corrispondenza delle province di Catania, Messina e Reggio Calabria. Su queste zone di attendiamo fenomeni di forte intensità, con piogge a carattere di nubifragio, forti raffiche di vento e anche grandinate rilevanti. Le aree più a rischio sono i settori costieri fra Catania, Messina e Reggio Calabria e i settori sud-orientali dell’Etna.
I fenomeni proseguiranno sino a questa sera quasi senza sosta su tutta la Sicilia orientale e il reggino.

Meteo Sicilia: Trapani | Palermo | Messina | Agrigento | Caltanissetta | Enna | Catania | Ragusa |Siracusa

Meteo Calabria : Cosenza | Catanzaro | Reggio di Calabria | Crotone | Vibo Valentia

Sistema temporalesco noto come “squall line”, ovvero linea temporalesca, ripreso dal Satellite alle 09.45. L’intero temporale si muove verso est intensificandosi


Articolo di Raffaele Laricchia


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Immagini Santa Irene, da scaricare e condividere per fare gli auguri di buon onomastico

Meteo : prossima settimana si piomba in tardo autunno, crollo delle temperature e venti forti!

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, generale stabilità sull’Italia

MODELLO EUROPEO: nuove insidie di tempo instabile sul finire di ottobre
INQUINAMENTO: le contraddizioni delle amministrazioni comunali