Salute – La colazione all’italiana nella bufera: sotto accusa i cornetti. “Fanno molto male!”

La colazione all’italiana, quella fatta coi famosi cornetti, messa in discussione nelle ultime ore dopo la puntata di “Report”, noto programma Rai andato in onda Domenica scorsa.

L’inchiesta è firmata Bernardo Iovene, che spiega che le brioche che si trovano nei bar e nelle pasticcerie e che, ogni mattina, rappresentano la colazione di milioni di italiani non sono salutari e genuine. Un’accusa nei riguardi dell’uso degli ingredienti di preparazione.

Secondo l’inchiesta devono preoccupare soprattutto i cornetti ai cereali e miele. Sembra che il miele contenuto sia veramente pochino: l’1,1% sul prodotto finito, mentre negli ingredienti si legge un 8% di “preparato al miele” di cui però non si riesce a capire l’esatta composizione. Inoltre, il burro della pasta sfoglia viene sostituito dalla ben più economica margarina (grasso vegetale altamente saturo) o da un mix di olio di palma e di palmisto.

Guido Perin, l’ecotossicologo dell’Università di Venezia intervistato da Iovene, spiega: «Il palmisto ha l’82% di acidi grassi saturi. È fra i peggiori alimenti dal punto di vista del rischio di cardiopatie. Per cui chi mangia questi cornetti sicuramente è una persona che entra in fascia di rischio».

Come in tutte le cose però, è la misura che determina il danno, quando si parla di alimentazione. Mangiare un cornetto ogni tanto non farà male. Abusarne è sicuramente da evitare. Occorre fare una colazione varia e più genuina possibile (naturalmente informandosi bene sugli ingredienti usati).


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 18 ottobre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Meteo Sicilia: vasto fronte di temporali in avvicinamento, attenzione alle prossime ore

Alluvione in Tunisia: devastazione e vittime nelle ultime ore

PREVISIONI METEO: raffreddamento delle temperature in vista nella terza decade di ottobre
Meteo a 15 giorni: occasioni piovose e più fredde per tutta l’Italia