Ritrovato ordigno bellico: chiuso aeroporto di Catania

Disagi all’aeroporto di Catania “Fontanarossa” per la chiusura totale dello scalo dalle 8.00 alle ore 13.00 di oggi, 4 Giugno 2015. L’aeroporto è stato chiuso per consentire le operazioni di “brillamento” di un residuato bellico della Seconda Guerra mondiale, una bomba di aereo di fabbricazione britannica e del peso di 250 libbre. L’ordigno è stato ritrovato nei giorni scorsi in contrada Jungetto, zona a Sud della città che sarà off limits.

L’Autorità militare ha delimitato una zona di salvaguardia dell’incolumità delle persone per un raggio di 1.000 metri dal luogo del ritrovamento. L’area sarà sgomberata e interdetta al traffico dalle 7 del mattino e fino al completamento delle operazioni.

Inoltre sarà sospeso anche il traffico ferroviario da Catania a Motta Sant’Anastasia sulla linea Catania-Palermo. I treni coinvolti sono: 8598 Caltanissetta Centrale – Catania Centrale, cancellato per l’intero percorso e sostituito con bus; 8661 Catania Centrale – Caltanissetta Centrale, cancellato per l’intero percorso e sostituito con bus; 3805 Catania Centrale – Palermo Centrale, cancellato da Catania Centrale a Motta e sostituito con bus. I viaggiatori proseguiranno in treno da Motta a Palermo Centrale; 3802 Palermo Centrale – Catania Centrale, cancellato da Motta a Catania Centrale. I viaggiatori proseguiranno con bus per Catania Centrale; 3804 Palermo Centrale – Catania Centrale, cancellato da Motta a Catania Centrale. I viaggiatori proseguono con bus fino a Catania Centrale.


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Previsioni Meteo : nuova perturbazione dal week-end, arriva la neve in pianura?

Sabato ventoso: raffiche fin’oltre gli 80 km/h fra Sicilia e Calabria. Ecco le zone più colpite.

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 14 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Facciamo il punto della situazione: considerazioni sul tempo delle prossime settimane
PREVISIONI METEO: l’aria fredda non riuscirà ad abbandonare l’Italia tanto facilmente