Previsioni meteo: la prossima settimana sarà di nuovo caldo infernale

Vi avevamo preannunciato che la lieve attenuazione di caldo e afa che stiamo vivendo nelle ultime ore, oggi anche al Centro-Sud, dove le temperature sono calate un pò, sarà una fase temporanea, poichè la colonnina di mercurio è destinata a risalire nuovamente a breve.

Merito ancora dell’alta pressione che richiamerà masse d’aria calda di origine nord-africana sul Mediterraneo e quindi sulla nostra penisola. Sebbene vi siano ancora incertezze su intensità e durata dell’ondata di caldo, possiamo affermare sulla base degli ultimi aggiornamenti odierni, che dal week end e per almeno 5-6 giorni l’Italia sarà completamente protetta dall’anticiclone.

Guarda anche: Tornado Venezia : la tromba d’aria attraversa l’autostrada A4 ad Arino (VIDEO)

E se fra fine settimana-Lunedì, le temperature saranno ancora non elevatissime, seppure con punte di 34-35 gradi soprattutto al Centro-Sud, verso Mercoledì-Giovedì aumenteranno ulteriormente, raggiungendo di nuovo valori molti elevati nella seconda parte di settimana. I giorni più caldi potrebbero essere 16-17-18 Luglio, con picchi prossimi ai 38 gradi e oltre e temperature percepite di nuovo sopra i 40 gradi con umidità in crescendo, come già avvenuto nei giorni passati. In questa fase tutta l’Italia dovrebbe accusare il colpo, ma i massimi termici potrebbero riguardare soprattutto la Pianura Padana e le zone interne e pianeggianti del Centro-Sud. Questo per il sopraggiungere di masse d’aria ancora più calde di natura sub-tropicale.

Avremo modo di fornirvi dettagli e conferme nei prossimi aggiornamenti, su InMeteo.net


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Allerta massima in Messico : in arrivo il devastante uragano Willa di categoria 5

Cipro : grosso tornado colpisce Nicosia, gravi danni ad Ayios [VIDEO]

Nubifragio su Crotone : numerosi allagamenti, disagi al traffico [FOTO]

Voglia di INVERNO? Gustatevi queste NEVICATE da FIABA
Meteo a 15 giorni: le piogge più intense potrebbero concentrarsi al nord…