Previsioni meteo lungo termine : tregua dell’instabilità e dei temporali, quanto durerà?

Previsioni meteo lungo termine / I forti temporali hanno lasciato il territorio italiano dopo due giornate terribili al Nord dove si sono registrati moltissimi danni a causa del forte maltempo che ha fatto anche una vittima ( QUI LE IMMAGINI IMPRESSIONANTI DI IERI ). Intanto al Sud continua il caldo africano, ma fino a quando resisterà questa tregua?

Questa settimana italiana iniziata con il forte maltempo registratosi ieri nel Veneto proseguirà all’insegna del bel tempo eccetto qualche acquazzone e temporale al centro e sui settori alpini e prealpini con sconfinamenti possibili lungo le regioni settentrionali. Stando ai modelli matematici, però, un’intensa saccatura si formerà sull’Europa raggiungendo anche l’Italia portando con sé temporali che potranno essere anche di forte intensità con un conseguente calo termico (trattasi di crollo termico al Sud Italia dove le temperature scenderanno anche oltre i 10°C in 48 h). L’intensa perturbazione potrebbe arrivare tra martedì 22 e mercoledì 23 e portare, quindi, clima più fresco in tutta Italia.

Ricordiamo che si trattano di previsioni a lungo termine, quindi non possiamo ancora stabilire le località che subiranno eventi più intensi e inoltre non siamo in grado di definire con certezza la data di arrivo di questa nuova perturbazione; restate con noi di inmeteo.net per ulteriori aggiornamenti.

ecco l’intensa saccatura che toccherà anche l’Italia dalla giornata di mercoled’ 23. Fonte: http://www.meteociel.fr/

 


Articolo di Alessio Colella


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Nuova ondata di maltempo verso la Sicilia: attenzione ai fenomeni violenti domani

Previsioni meteo: aumentano le probabilità dell’arrivo del freddo la prossima settimana

Maltempo in Basilicata e nel materano: fiumi di fango sulla strada provinciale Cavonica [VIDEO]

MODELLO EUROPEO: si apre un periodo dominato da correnti settentrionali, ecco cosa potrebbe succedere
PREVISIONI METEO: rinforzo dell’alta pressione sull’Europa, poi…