Allerta Meteo : vasto ciclone mediterraneo in dirittura d’arrivo. Sardegna a rischio alluvioni

Allerta Meteo/ Sono eloquenti le immagini satellitari di questa mattina sul Mediterraneo, dove è giunta l’aria fredda proveniente dall’Europa orientale.

Le masse d’aria di estrazione totalmente diversa che sono venute a scontrarsi nel Mediterraneo occidentale, hanno dato vita ad un vasto ciclone mediterraneo con evidentissimo “occhio” centrale dove la pressione sta rapidamente crollando. Col passare dei minuti questo vortice si approfondisce sempre più, alimentando sul suo bordo orientale la risalita di violenti sistemi temporaleschi.

Questo ciclone sta giò interessando la Sardegna settentrionale dove piove quasi senza sosta, ma nelle prossime ore l’ulteriore avvicinamento del vortice provocherà un ulteriore e violento peggioramento del tempo : temporali forti sono attesi su gran parte della Sardegna nord-orientale (in particolare l’area di Olbia) e sui settori meridionali dell’isola. Il vortice stazionerà pochi chilometri a largo della Sardegna occidentale per l’intera giornata di giovedì innescando di conseguenza temporali stazionari e piogge persistenti su gran parte dell’isola.
Gli accumuli di pioggia potranno superare anche i 300 mm fra le province di Cagliari, Ogliastra, Nuoro e Olbia-Tempio, tali da provocare molti disagi e soprattutto possibili eventi alluvionali

Il ciclone riprenderà il suo cammino nella giornata di venerdì portandosi sul Tirreno settentrionali e provocando un netto guasto del tempo su tutta la penisola da Nord a Sud.

Ciclone mediterraneo in arrivo sulla Sardegna

Ciclone mediterraneo in arrivo sulla Sardegna


Articolo di Raffaele Laricchia


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Maltempo : risveglio invernale in Italia, nevica fino a 500 metri in Puglia

Meteo oggi: calo termico, ancora piogge e rovesci di neve tonda

Isole Sandwich : intenso terremoto nell’Atlantico meridionale

MODELLO EUROPEO: una settimana di tempo freddo ma con un approdo mite
Settimana di tempo instabile invernale: vediamo cosa potrebbe succedere