Allerta Meteo : ciclone in arrivo al Sud, nuovi forti temporali fra Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia

Previsioni Meteo/ Giungono sempre più conferme dai principali centri di ricerca europei riguardo l’arrivo imminente di una nuova intensa perturbazione nel Mediterraneo.

Qualora dovesse realizzarsi l’attuale previsione, potrebbe essere il terzo ciclone consecutivo formatosi nell’arco di appena due settimane nel nostro bacino, segno dell’elevatissimo potenziale energetico presente nel Mediterraneo dopo la rovente Estate vissuta.
Possibile evoluzione : una massa d’aria relativamente fredda proveniente dal nord-est europeo fra martedì e mercoledì raggiungerà il Mediterraneo entrando in contatto con aria molto più calda. Con buona probabilità potrebbe venire a formarsi un vortice ciclonico nel mar Tirreno che tenderà rapidamente a traslare sul mar Ionio innescando la formazione di forti temporali fra Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Potrebbero essere soprattutto i versanti ionici a ricevere i quantitativi di pioggia più importanti fra mercoledì e giovedì, localmente anche superiori ai 200 mm, oltretutto su zone già pesantemente colpite dalle precedenti perturbazioni.

Data la distanza temporale non è ancora possibile definire le province o i settori maggiormente a rischio, in quanto c’è ancora incertezza sull’esatto collocamento del vortice ciclonico all’interno del mar Ionio. Pertanto vi invitiamo a seguirci nei prossimi aggiornamenti che saranno senz’altro più chiari e dettagliati.

Possibile nuovo ciclone nel mar Ionio fra mercoledì e giovedì – MAPPA ECMWF


Articolo di Raffaele Laricchia


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Immagini Santa Irene, da scaricare e condividere per fare gli auguri di buon onomastico

Meteo : prossima settimana si piomba in tardo autunno, crollo delle temperature e venti forti!

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, generale stabilità sull’Italia

MODELLO EUROPEO: nuove insidie di tempo instabile sul finire di ottobre
INQUINAMENTO: le contraddizioni delle amministrazioni comunali