Meteo : ciclone nel mar Ionio. Nubifragi sulla Calabria. Massima allerta nelle prossime ore

Meteo/ Come ampiamente previsto il maltempo si sta accanendo sulle regioni meridionali a causa della stasi della depressione nel cuore del mar Ionio, totalmente intrappolata all’interno di varie aree di alta pressione.

Questa situazione sta causando la formazione di temporali e forti piogge sui settori ionici, specie sulla Calabria. Nella giornata di venerdì è stata la Basilicata a risentire maggiormente degli effetti di questo ciclone, dato che sono precipitati oltre 200 mm sui settori meridionali della regione, specie sul Massiccio del Pollino.
Il lieve spostamento del ciclone verso sud ha favorito un parziale miglioramento sulla Basilicata ed un sensibile peggioramento sulla Calabria dove piove ininterrottamente da oltre 12 ore. Sui settori ionici calabresi sono già precipitati oltre 50/70 mm di pioggia con picchi superiori ai 140 mm (fra catanzarese e reggino).
La situazione non si sbloccherà prima di domenica sera : continuerà a piovere senza tregua su gran parte della Calabria centro-meridionale e verrà coinvolta anche la Sicilia nord-orientale fra messinese e catanese già a partire dal pomeriggio di oggi. I fenomeni più intensi sono attesi sui settori interni, specie a ridosso dei rilievi, dove agirà il fenomeno dello STAU, ovvero l’innalzamento in verticale delle nubi sui rilievi che favorisce l’incremento dei quantitativi di pioggia. Non escludiamo punte di pioggia superiori ai 400 mm fra crotonese, catanzarese, reggino, messinese e catanese entro le prossime 36 ore.



Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Lombardia : debole scossa di terremoto nel bresciano zona Chiari – dati INGV ( 9 dicembre 2018)

Venti tempestosi in Sicilia : danni e alberi caduti tra Palermo e Messina

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 9 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

Una nuova perturbazione tra giovedì 13 e venerdì 14: NEVE a bassa quota al nord?
***VIDEO*** rilievi delle Alpi SEPOLTI di NEVE