Disastro ambientale in Brasile: sversate ingenti quantità di arsenico, piombo, cromo e altri metalli pesanti

Disastro ambientale in Brasile – Il 5 Novembre 2015 si è consumato in Brasile uno dei disastri ambientale più gravi mai accaduti nella nazione. Nello specifico due dighe di raccolta contenenti vari rifiuti di scarto di miniera sono crollate riversando ingenti quantità di inquinanti nel Rio Doce.

Nello specifico milioni di litri di fango ferroso contenente piombo, cromo, arsenico e altri metalli pesanti ha invaso tutto il tratto fluviale che va dalle dighe all’Oceano Atlantico lasciando dietro di se una lunghissima scia di morte e distruzione. Si registrano più di 19 persone morte, abitazioni distrutte, e intere popolazioni costrette ad abbondonare le proprie terre in quanto ormai irrecuperabilmente inquinate e improduttive.

Attualmente l’immensa marea di inquinanti si sta riversando nell’Oceano il che rende l’accaduto un disastro ambientale di proporzione mondiale. Infatti le correnti oceaniche potranno spargere gli inquinanti su area particolarmente ampia di oceani e di coste. Come al solito la colpa sarebbe da imputare alle gravi inadempienze in termini di manutenzione e sicurezza dell’impianto e come al solito l’uomo danneggia e la natura paga.

Disastro ambientale in Brasile -Rio Doce


Articolo di Luca Mennella


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo domani: perturbazione in serata, attese piogge e rovesci

Grandinata storica a Roccalumera: si spala il ghiaccio per liberare le strade [VIDEO]

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 15 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

MODELLO EUROPEO: diverse occasioni di pioggia in arrivo, neve a bassa quota al nord
PREVISIONI METEO: l’incognita della neve al nord tra domenica e lunedì