Terremoto Nuova Zelanda, allarme tsunami: possibili onde sulla costa orientale

Dopo il violentissimo terremoto che alle 12 (ora italiana, le 23 ore locali) ha colpito la Nuova Zelanda, si temono onde tsunami nelle prossime ore.

Inizialmente non era stato previsto dal centro di allerta del Pacifico alcun tsunami verso le zone costiere della Nuova Zelanda, ma in seguito la Protezione Civile ha emanato un’allerta. Come riportato dall’Ansa, uno tsunami è stato segnalato dalle autorità della Nuova Zelanda dopo il potente terremoto di magnitudo 7.8. Le autorità annunciano che sono state segnalate le prime onde sulla costa orientale. Secondo la protezione civile neozelandese le prime onde “potrebbero non essere le più alte. Ma ne seguiranno tante nelle prossime ore”.  L’allerta è per l’area che va da East Cape fino a Southland, e per le isole Chatham.

“Chiunque si trovi in quella zona, si sposti immediatamente verso l’interno”, scrive la protezione civile sul suo account Twitter precisando di avere problemi sul sito e quindi che continuerà a fornire informazioni sui social media. L’epicentro del terremoto, avvenuto poco dopo la mezzanotte locale, è stato localizzato nei pressi della località di Hanmer Springs, a 91 km a nord di Christchurch.

 

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Francesco Ladisa


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto Salerno : avvertita moderata scossa zona Albanella, i dati INGV

Maltempo in Toscana: Elsa in piena, allagamenti a Manciano

Meteo Protezione Civile domani: miglioramento delle condizioni meteo, ma ancora instabile su tirreniche

Meteo a 15 giorni: in vista la PIOGGIA, ma non il FREDDO
Le previsioni della PROTEZIONE CIVILE per MERCOLEDI 21 NOVEMBRE