DeeDee : nuovo pianeta nano ai confini del sistema solare?

Un nuovo corpo celeste è stato identificato in tempi recenti ai confini del nostro sistema solare, ben studiato e analizzato solo nelle ultime settimane grazie al radiotelescopio ALMA.

Si tratta di 2014 UZ224, chiamato anche DeeDee – nome che arriva dalle iniziali di Distant Dwarf (nano lontano) – il quale pare essere tra i corpi celesti più lontani dal nostro Sole appartenente comunque alla sua orbita. La sua distanza è tre volte maggiore rispetto a quella tra Sole e Plutone e ben 92 volte rispetto a quella tra Sole e Terra.

DeeDee è stato considerato un pianeta nano : i dati di ALMA mostrano che DeeDee ha un diametro di soli 635 km, ossia due terzi del diametro di Cerere, che è il più grande tra i corpi della stessa classe nella fascia degli asteroidi posta tra Giove e Marte. Sulla base del diametro i ricercatori ritengono che DeeDee possa avere massa sufficente per conferirgli forma sferica. In questo caso sarebbe giustamente classificabile come “pianeta nano”.

Confronto tra DeeDee, Plutone, la Luna e gli Stati Uniti

 

Sottolinea David Gerdes, ricercatore dell’università del Michigan e primo autore dello studio pubblicato su Astrophysical Journal Letters: «Nello spazio, oltre Plutone devono esserci molti corpi planetari simili a DeeDee, alcuni piccoli, ma altri con dimensioni tali da competere con quelle di Plutone, e potrebbero essercene anche di più grandi. Sono però oggetti molto lontani e la luce che riflettono è debolissima, perciò è molto difficile rilevarli e poi studiarli. ALMA tuttavia ha capacità uniche, che ci permettono di conoscere dettagli molto interessanti anche di mondi così lontani».

DeeDee è un pianeta gelido, posto ai confini del sistema solare : per compiere un’orbita completa impiega ben 1100 anni terrestri e a causa della notevole distanza dal Sole la sua temperatura si aggira sui -243 °C, poco più dello zero assoluto ( -273.15 °C).
Copri celesti come Deedee rappresentano lo “scarto” della genesi del sistema solare e pertanto sono elementi molto utili per lo studio della nascita dei pianeti e della loro distribuzione attorno al Sole.


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Cosenza, fulmine colpisce due fratelli sulla spiaggia di Paola, situazione grave

Meteo Protezione Civile domani: altra giornata ricca di temporali

Bassa pressione centrata nel Mediterraneo : maltempo e nubifragi su Sicilia e Sardegna

Aggiornamento della sera: CONFERMATO importante passaggio perturbato da venerdì prossimo
Previsioni meteo: si aprono le porte alla CRISI TEMPORALESCA di fine estate

Link rapido alle PREVISIONI METEO delle principali città d’Italia:


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti