Stelle cadenti : spettacolo nel mese di maggio con le Eta Acquaridi

Le figlie della cometa di Halley, le Eta Acquaridi, sono state raggiunte dalla Terra come annualmente avviene nel mese di maggio. Il nostro pianeta è entrato da qualche giorno nella vasta nube di meteoriti e detriti spaziali la cui massima densità sarà raggiunta nel corso della notte tra 5 e 6 maggio.

Il contatto tra le Eta Acquaridi e la nostra atmosfera darà vita al magico fenomeno delle stelle cadenti di maggio. In condizioni di staiblità atmosferica ( cielo sereno e aria secca) potranno essere osservare sino a 30 meteore l’ora. Naturalmente quello tra 5 e 6 maggio sarà l’apice dell’evento, pertanto anche nei prossimi giorni sarà ancora possibile osservare le bellissime stelle cadenti sebbene con frequenza via via sempre minore.

”L’osservazione delle eta Aquaridi quest’anno sarà favorevole, perché il novilunio è stato alla fine di aprile”, spiegano gli astrofili. ”Nel nostro Paese le regioni meridionali beneficiano di un maggior tempo di osservazione, ossia da quando il radiante sorge fino all’iniziare del crepuscolo mattutino. Il radiante, posto nella zona più alta dell’Aquario, si mostra attivo per quasi un mese, con un aumento evidente della frequenza dal 3 al 10 maggio e un picco maggiore intorno al 5-6 maggio: quest’anno lo vedremo salire sopra l’orizzonte circa dalle ore 2 in poi, proprio quando la Luna volgerà al tramonto”.



Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Nubifragi in Sicilia: situazione critica a Piazza Armerina. Domani scuole chiuse.

Roma : violento temporale sulla capitale. Tempesta di grandine e centinaia di fulmini

Ultim’ora: nuovi nubifragi in Sicilia, automobilisti bloccati sulla Catania-Gela

CALDO ANOMALO: cosa succede al clima europeo e italiano?