Irma provoca devastazione alle Antille : l’uragano ora minaccia Porto Rico [VIDEO]

Gravi danni causati dall’uragano Irma nelle piccole Antille, nel mar dei Caraibi. Ora si prepara Porto Rico all’arrivo dei venti oltre 250 km/h.

La furia dell’uragano Irma non sta lasciando scampo alle isole caraibiche orientali maggiormente esposte come St Barth, Guadalupa, Anguilla, Antigua e Barbuda. Dalle ultime notizie che giungono dal posto, si parla di distruzione su vasta scala. L’uragano di categoria 5 ha impattato sulle piccole Antille con una violenza eccezionale : i venti hanno superato anche i 300 km/h, valori assolutamente esorbitanti e rarissimi, come da decenni non si verificava. A St. Barth sono state abbattute tutte le palme dell’isola, mentre si registrano anche diversi crolli e numerossime case scoperchiate. Il ciclone tropicale sta sferzando i Caraibi orientali con una violenza inaudita e la speranza è che non ci siano anche vittime. Il vortice è visibilissimo anche dallo spazio (guarda qui le immagini impressionanti>>>)

Uragano Irma – l’occhio del ciclone

Ad Antigua e Barbuta sono state distrutte la maggior parte delle stazioni meteorologiche che purtoppo non potranno più fornirci dati preziosi per l’analisi dell’uragano. L’ultimo dato parlava di venti a 146 km/h con pressione a 982hpa (però l’occhio del ciclone in quel frangente era ancora distante ben 300 km!). I venti più furiosi, infatti, si innescano attorno all’occhio del ciclone dove la pressione sprofonda ulteriormente.

Ora l’uragano si muove lentamente verso ovest, ad una velocità di poco più di 20 km/h : l’obiettivo è Porto Rico dove si attende con estrema preoccupazione una delle più forti tempeste degli ultimi decenni.


 

Se non visualizzi il video, clicca qui >>>

 


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo oggi: condizioni di instabilità, attese piogge e temporali

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, 17 Ottobre

Inondazioni in Texas: crolla ponte nel fiume Llano

NUBE di FUMO su MILANO: tanta puzza ma…
Il METEO sulla carta del tempo: ancora un po’ di MALTEMPO nel Mediterraneo…