Terremoto in Messico, il Papa : “Momento di grande dolore. Che Dio onnipotente accolga le vittime”

Catastrofico terremoto in Messico. Centinaia le vittime e i dispersi. Devastata Città del Messico. Il Papa : “Momento di grande dolore”.

Terremoto in Messico/ Si aggrava di ora in ora il bilancio delle vittime in Messico a seguito del devastante terremoto di magnitudo 7.1 sulla scala richter avvenuto ieri alle 20.14 italiane (13.14 all’epicentro). Il sisma ha colpito l’area a sud di Città del Messico (circa 50 km dalla Capitale) ma ha provocato distruzione in un raggio di oltre 100 km. Migliaia gli edifici crollati tra cui diversi palazzi con centinaia di persone al loro interno. Le vittime confermate sono oltre 250 ma il numero potrebbe crescere sensibilmente nelle prossime ore.

È salito a 26 bambini morti il bilancio del crollo della scuola ‘Enrique Rebsamen’ di Città del Messico. L’intera nazione è sotto shock. Impressionante questo video che mostra lo scuotimento prodotto dal sisma in un fiume.

Terremoto in Messico

Un terribile terremoto ha colpito il Messico – ha detto il Papa in udienza in piazza San Pietro – qui tra voi ci sono molti messicani, il terremoto ha causato vittime e danni materiali. In questo momento di dolore manifesto la a mia vicinanza a tutta la popolazione messicana. Chiedo a Dio onnipotente che accolga nel suo seno quelli che hanno perso la vita”. Il Papa ha inoltre ricordato e ringraziato coloro che prestano soccorso nel sisma e ha invocato la “Vergine di Guadalupe, tanto cara alla nazione messicana”.


TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Immagini Santa Irene, da scaricare e condividere per fare gli auguri di buon onomastico

Meteo : prossima settimana si piomba in tardo autunno, crollo delle temperature e venti forti!

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, generale stabilità sull’Italia

MODELLO EUROPEO: nuove insidie di tempo instabile sul finire di ottobre
INQUINAMENTO: le contraddizioni delle amministrazioni comunali