Clima, inquinamento : Italia tra le zone più inquinate d’Europa. Oltre 91.000 le vittime

L’aria italiana tra le più inquinate dell’Europa. Pianura Padana tra le peggiori del Vecchio Continente! Oltre 91.000 le vittime causate dall’inquinamento.

Inquinamento/ Tra tutte le grandi città europee, quelle italiane e in particolare del nord Italia sono quelle con l’aria maggiormente inquinata. Un primato decisamente negativo di cui non si dovrebbe andar fieri. Addirittura in pianura Padana si registra il maggior numero di morti causato dall’inquinamento e le polveri sottili. La notizia decisamente terribile arriva dalla “Fondazione Sviluppo Sostenibile” che ha presentato il rapporto sull’inquinamento in Italia al Senato di Roma.

In Italia si verificano circa 91.000 morti all’anno a causa dell’inquinamento atmosferico, un numero decisamente elevato e di molto superiore alla Francia che ne registra 54.000. Numeri alti anche per la Germania con ben 86.000 vittime all’anno.
Di queste 91.000 vittime, ben 66.630 sono causate dalle polveri sottili PM2.5, 21.040 per il disossido di azoto (NO2), 3.380 per l’ozono (O3).
Le aree maggiormente inquinate dell’Italia, dove si registrano il maggior numero di vittime, son l’area di Milano e hinterland, poi Napoli, Taranto, l’area industriale di Priolo in Sicilia, le zone industriali di Mantova, Modena, Ferrara, Venezia, Padova, Treviso, Monfalcone, Trieste e Roma.
Le aree di Milano, Modena e Padova sono tra le più inquinate in assoluto di tutta Europa.

Inquinamento : Italia tra le peggiori d’Europa


Articolo di Raffaele Laricchia


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile domani: tempo generalmente stabile, ma con peggioramento serale

Incendio stabilimento rifiuti a Roma: forte odore acre fino al centro della capitale. “CHIUDERE LE FINESTRE”.

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 11 dicembre 2018 (ultimi terremoti, orario)

PREVISIONI METEO: l’aria fredda raggiunge l’Italia ma dal prossimo weekend…
Dove potrebbe nevicare GIOVEDI 13 secondo la PROTEZIONE CIVILE?