Terremoto centro Italia : paura tra Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche. Gente per strada a L’Aquila, Ascoli e Teramo

Intensa scossa di terremoto nella notte al centro Italia. Paura tra Lazio, Umbria, Abruzzo e Marche. Gente per strada in molte città.

Terremoto centro Italia/ Tanta paura sulle regioni centrali, specie in Appennino, dove alle 00.34 di oggi 4 dicembre 2017 la terra è tornata a tremare in maniera abbastanza intensa. L’epicentro della scossa è stato individuato nuovamente nell’area di Amatrice, già gravemente distrutta dai forti terremoti dello scorso anno. In questo caso fortunatamente non si è trattato di una scossa molto forte, per cui eventuali danni potrebbero essere molto contenuti.

Stando ai dati dell’INGV il terremoto ha raggiunto la magnitudo 4.2 sulla scala richter, con ipocentro fissato a soli 7.9 km di profondità. Epicentro esattamente individuato in zona Collepagliuca (circa 3 km a est del centro di Amatrice). Il sisma è stato nettamente avvertito in un raggio di oltre 140 km stando alle segnalazoni giunte in redazione. Migliaia quelle giunte da L’Aquila, Teramo e Ascoli, dove diverse persone si sono anche precipitate in strada in via precauzionale.

SEGUI IL MONITORAGGIO DEI TERREMOTI (SEMPRE AGGIORNATO) QUI >>>

epicentro esatto

Si prepara una nuova notte di paura per l’Appennino centrale, nella speranza che non ci siano nuove scosse più forti di questa. Al momento non sono state registrate repliche dopo la scossa di magnitudo 4.2. A complicare la situazione le condizioni meteo decisamente avverse : in molte località tra reatino, aquilano e teramano nevica da diverse ore e le temperature si presentano inferiori allo zero.

 

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ultim’ora: nave da crociera in avaria nelle acque norvegesi, a bordo 1.300 persone

Pacifico: l’isola di plastica è 16 volte più grande del previsto e continua a crescere

Polo nord : l’artico raggiunge la massima estensione invernale. Estensione però sotto la media

ANALISI MODELLI: occhi puntati sul RAFFREDDAMENTO della prossima settimana

Sabato 23 marzo 2019: oggi festeggiamo la Giornata Mondiale della Meteorologia