Previsioni meteo: altalena termica, passeremo dalla neve al caldo

Previsioni meteo – I principali modelli matematici risultano ormai concordi nel mostrare l’arrivo sull’Italia di intense correnti artiche tra il 9 e il 10 Dicembre. Tuttavia, tale passaggio freddo sarà velocemente seguito da un nuovo peggioramento di stampo atlantico.

La peculiarità di tali dinamiche bariche, saranno gli intensi sbalzi termici previsti. Infatti, passeremo nella giornata di Sabato 9, da temperature in media a temperature sotto media di circa 6/7°C. Successivamente, grazie all’arrivo della perturbazione atlantica sopra citata e all’attivazione di intensi venti di libeccio. Assisteremo ad un nuovo e più imponente aumento delle temperature, tale aumento, su alcune regioni, potrà risultare anche di circa 16-17°C. Più nel dettaglio, le regioni che subiranno gli sbalzi temrici più grandi saranno quelle del medio e basso adriatico, ovvero Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. Su queste, passeremo da temperature prossime allo zero lungo le coste accompagnate da nevicate fino a quote molto basse se non di pianura, a volori massimi fino a 17-18°C nel corso della giornata di Lunedì 11 Dicembre.

Di conseguenza, preparatevi a mettere cappotti e sciarpe nel corso del week end, e a tornare a mettere un abbigliamento quasi estivo nel corso dell’inizio della settimana. Specie per chi abita sul versante del medio e basso adriatico e del Sud in genere. Discorso diverso per il Nord italia il quale vedrà un tempo generalmente perturbato e più freddo. Maggiori dettagli verranno forniti nel corso dei prossimi aggiornamenti.

Previsioni meteo: altalena termica, passeremo dalla neve al caldo

Previsioni meteo: altalena termica, passeremo dalla neve al caldo

Articolo di Luca Mennella

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Siccità estrema al nord : si svuota il Lago Maggiore. Po in secca

Frasi e aforismi per la Festa del Papà: trova il pensiero più bello per fare gli auguri

Emirati Arabi : un “buco” nelle nubi, video della “Hole Punch Cloud”

Calo delle temperature al nord, instabilità residua al sud, poi l’anticiclone