Cronaca: arrestato “Igor il Russo”, il famoso killer di Budrio

Secondo quanto riportato dalle principali testate giornalistiche, è stato arrestato il criminale Norbert Feher alias Igor Vaclavic, conosciuto come ‘Igor il russo’, divenuto tristemente noto in Italia per due omicidi compiuti in Emilia-Romagna lo scorso Maggio.

L’uomo, di origine serba, latitante da mesi ed elemento considerato estremamente pericoloso, è stato arrestato in Spagna. L’areestato è avvenuto durante una sparatoria, in cui sono morte tre persone, nella zona di El Ventorrillo, compresa tra le città di Terruel in Andorra e Albalete del Arzobispo. La Procura della Repubblica di Bologna, coordinando i carabinieri del Ros e del comando provinciale di Bologna e Ferrara, aveva da tempo un’attività di indagine con rogatorie in Spagna, avendo trovato riscontri sulla presenza del ricercato, di origine serba. Altre indagini sono state fatte proprio in Serbia, in Austria e Francia, con trasferte degli investigatori, di concerto anche con le autorità di polizia spagnole.

La polizia scientifica italiana – secondo quanto apprende l’ANSA – ha concluso positivamente il riscontro delle impronte digitali rilevate ad Igor ‘il russo’ e immesse dalla guardia civil nella banca dati europea Afis con quelle già in possesso della polizia italiana. Il riscontro ha dato esito largamente positivo, confermando definitivamente che la persona arrestata è proprio quella ricercata per gli omicidi commessi a Budrio (Bologna) e Portomaggiore (Ferrara), avvenuti rispettivamente il primo e l’otto aprile scorsi.

Un ringraziamento alle autorità spagnole, all’Arma dei carabinieri e il pensiero va alle vittime di Budrio e alle vittime in Spagna” è stato espresso dal ministro dell’Interno Marco Minniti a Rimini in prefettura per la firma del “Patto per la sicurezza avanzata” alla presenza dei 25 sindaci della Provincia.

 

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ultim’ora: nave da crociera in avaria nelle acque norvegesi, a bordo 1.300 persone

Pacifico: l’isola di plastica è 16 volte più grande del previsto e continua a crescere

Polo nord : l’artico raggiunge la massima estensione invernale. Estensione però sotto la media

ANALISI MODELLI: occhi puntati sul RAFFREDDAMENTO della prossima settimana

Sabato 23 marzo 2019: oggi festeggiamo la Giornata Mondiale della Meteorologia