Elevato rischio valanghe in Appennino: due morti in pochi giorni

Elevato rischio valanghe – In questi ultimi giorni il rischio valanghe è particolarmente aumentato in tutto l’appennino centro-settentrionale.

Infatti, complici le condizioni meteorologiche, imponenti cornici di neve si sono fomate sulle creste dei principali rilievi accompagnate da abbondanti accumuli eolici sottovento al versante orientale della catena montuosa appenninica. Inoltre date le temperature particoalrmente basse, il manto nevoso non è riuscito ancora a trasformarsi ed assestarsi.  Pochi giorni fa, a causa di un incidente, un’escursionista è morto sul Terminillo, mentre ieri, proprio a causa di una valanga, un altro escursionista è morto sul Gran Sasso nella zona di Pizzo Cefalone. Poche sono le notizie riguardanti le dinamiche degli incidenti.

Nei prossimi giorni, complice un sensibile rialzo termico, le condizioni del manto nevoso continueranno a risultare instabili (soprattutto in una prima fase) per poi tendere ad assestarsi, specialmente sui versanti esposti a Sud e quindi ad una maggiore eliofania.

Articolo di Luca Mennella

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Siccità estrema al nord : si svuota il Lago Maggiore. Po in secca

Frasi e aforismi per la Festa del Papà: trova il pensiero più bello per fare gli auguri

Emirati Arabi : un “buco” nelle nubi, video della “Hole Punch Cloud”

Calo delle temperature al nord, instabilità residua al sud, poi l’anticiclone