Freddo sul nord Africa, arriva la neve nel deserto del Sahara dell’Algeria [VIDEO]

Arriva la neve sulle montagne dell’Algeria. Imbiancato il deserto dell Sahara nell’altopiano algerino!

La perturbazione nord atlantica che per giorni ha coinvolto il Mediterraneo centro-occidentale, soprattutto il nord-ovest Italia dove si sono susseguite forti piogge e abbondanti nevicate, è riuscita a penetrare sin verso il nord Africa grazie allo sprofondamento della corrente a getto.

Tra 7 e 8 gennaio abbiamo assistito al maggior infittimento del gradiente termico orizzontale tra penisola Iberica, nord Africa e Italia : sulla nostra penisola si è fatto sentire il richiamo molto mite proveniente dal nord Africa che ha portato le temperature su valori eccezionali per il periodo, da nord a sud (oltre 20 °C al sud, oltre 10°C al nord nei valori minimi); sul Mediterraneo occidentale, in Spagna e addirittura su Marocco e Algeria abbiamo assistito all’opposto, ovvero alla discesa di aria più fredda sul bordo occidentale della perturbazione. 

Se non visualizzi il video, clicca qui >>>

Il calo termico quindi si è manifestato sin sul nord Africa, in particolare nelle zone interne dell’Algeria dove la colonnina di mercurio, nelle ore notturne, si è portata sotto lo zero grazie alle inversioni termiche. L’aria fredda ha anche permesso l’arrivo della neve sulle alture algerine sin verso i 900/1000 metri di quota. Splendido questo video che mostra il deserto del Sahara, nella zona di Aïn Séfra, imbiancato dalla neve. Il deserto in questione è posto su un altopiano a circa 1000 metri di quota.


Articolo di Raffaele Laricchia


SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Clima : estate 2018 la più calda di sempre in Europa!

Previsioni Meteo : l’estate finisce nel week-end, in arrivo freddo e maltempo!

Allerta Meteo : confermata pericolosa depressione “sub-tropicale” nel Tirreno – Rischio alluvioni in Sardegna

Meteo a 15 giorni: i primi freddi autunnali innescheranno una REAZIONE a CATENA…
ALLERTA protezione civile per GIOVEDI 20 SETTEMBRE