Emergenza siccità : invasi sempre più asciutti. 90% del raccolto di grano ormai compromesso

Siccità devastante in Italia. Centro-sud sempre più senz’acqua. Raccolto di grano quasi totalmente compromesso.

Emergenza siccità/ Situazione sempre più critica col passare dei giorni sulla nostra penisola dove l’assenza di perturbazioni organizzate sta pesantemente aggravando la siccità. In particolare è il centro-sud a fare i conti con la situazione peggiore, soprattutto dopo questo mese di gennaio davvero secco e poco freddo che ha aggravato una condizione già abbastanza critica.

Oltre le montagne prive di neve, spiccano gli invasi ormai sempre più asciutti, alcuni anche quasi totalmente prosciugati come la diga di Monte Cotugno della Basilicata (in foto). Emergenza ormai conclamata in Sicilia dove a Palermo si prospetta un’autonomia di appena 60 giorni, così da costringere le autorità a chiedere lo stato di calamità naturale.

Situazione estremamente critica anche sul fronte agricoltura, dove si teme un vero e proprio disastro nei prossimi mesi. La Confederazione Italiana Agricoltori ha lanciato l’allarme siccità e la situazione più preoccupante è in Sicilia (tema principale della giornata).
Antonio Cossentino, neo-presidente della Confederazione e imprenditore viticoltore ha così commentato la pesante situazione :  “Se le zone montane più alte, come quella di Gangi, in questo momento stanno soffrendo meno (ma c’è molta preoccupazione per i prossimi mesi) basta spostarsi di qualche chilometro, a Bompietro, per vederne già gli effetti. Dopo aver seminato a novembre, molti produttori non stanno neanche più facendo manutenzione, abbandonando le colture. La diminuzione di acqua nelle sorgenti e laghetti sta poi mettendo in seria difficoltà gli allevatori, che fra qualche settimana non sapranno più come abbeverare i propri animali. Per non parlare dei pascoli a quota bassa, già secchi nonostante il periodo”.


Oltre il 90% del raccolto di grano della Sicilia è ormai compromesso. Dal punto di vista meteorologico si prospetta un mese di febbraio maggiormente ricco di perturbazioni a differenza dell’anomalo gennaio vissuto. Dunque si spera che almeno la natura freni quanto più possibile la pesante siccità che si protrae ormai dall’estate.

 


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, 17 Ottobre

Inondazioni in Texas: crolla ponte nel fiume Llano

Marche : scossa di terremoto moderata avvertita ad Ascoli Piceno – 16 ottobre 2018

MODELLO EUROPEO: l’arrivo del primo FREDDO sul nord-est Europa
MODELLO AMERICANO: uno sguardo al presente per capire il futuro