Maltempo : forti nevicate sulla A6 Torino-Savona , fiocchi anche in città

Perturbazione atlantica verso l’Italia. Fenomeni in intensificazione al nord-ovest. neve a Torino!

Maltempo/ Una vasta perturbazione atlantica è in movimento verso la nostra penisola e, come ampiamente previsto, sta già arrecando i primi disturbi sulle regioni di nord-ovest, specie tra Piemonte e Liguria, dove la neve sta facendo la sua comparsa a quote relativamente basse.

Il flusso umido e instabile di origine atlantica sta entrando in contrasto con aria più fredda di origine artica che staziona nei bassi strati del nord Italia, innescando così precipitazioni nevose sino a bassa quota. La quota neve al momento si è portata sui 200/300 metri in Piemonte e sin verso i 100/300 metri in Liguria grazie alla tramontana scura, vento freddo proveniente dalle zone interne che provoca un sensibile calo termico tra Savona e Genova.

Dalle 08.00 di stamattina nevica sull’autostrada A6 Torino-Savona, da Marene sino alle porte di Savona. Nevica in maniera moderata sulle zone interne del savonese sino alle porte della città e a tratti anche sulla costa. Freddo e maltempo anche a Genova dove nevica a partire dai 200/250 metri di quota, mentre sul litorale si segnala pioggia mista a neve (come da previsione). Accumuli di diversi centimetri si segnalano a 400 metri in Val Bormida, lieve imbiancata anche sul savonese costiero! (In foto la neve caduta negli ultimi minuti nella periferia di Torino, foto di Riccardo Chiarlone).


Segnaliamo neve sull’autostrada A26 e A7 con primi accumuli nella zona di Masone e dell’Ovadese, situazione simile anche in Valle Scrivia dove la neve cadrà fino al fondovalle entro la tarda mattinata per poi proseguire in maniera più intensa da questa sera.


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, 17 Ottobre

Inondazioni in Texas: crolla ponte nel fiume Llano

Marche : scossa di terremoto moderata avvertita ad Ascoli Piceno – 16 ottobre 2018

MODELLO EUROPEO: l’arrivo del primo FREDDO sul nord-est Europa
MODELLO AMERICANO: uno sguardo al presente per capire il futuro