Allerta meteo : pesante ondata di gelo siberiano in arrivo. Temperature fino a -14°C in pianura

Arriva il Buran da domani su tutta Europa. Colpita anche l’Italia, tracollo termico al nord di oltre 10°C!

Allerta meteo/  L’aria gelida siberiana continua la sua marcia verso l’Europa centrale e il Mediterraneo, dove apporterà una severa fase di gelo e anche nevicate, sebbene non per tutti. Il Buran attualmente ha raggiunto regioni come la Polonia, la Repubblica Ceca, la Slovacchia e l’Ungheria apportando un drastico calo delle temperature di oltre 10/15 °C. Fortissime nevicate hanno coinvolto le regioni baltiche a causa del transito del gelo siberiano sul mar Baltico, dando vita a nubi cumuliformi.

Domani il Buran, di cui abbiamo già ampiamente parlato in questo articolo, raggiungerà l’Italia ed in particolare sulle regioni del centro-nord, obiettivo secondario di questa grande colata gelida proveniente dalla Russia. L’obiettivo principale infatti sarà l’Europa centrale (Inghilterra, Francia, Germania, Austria, Svizzera e Danimarca, dove giungeranno temperature inferiori ai -20°C e nevicate).

L’aria estremamente gelida, che mostra isoterme tra -14 e -17°C a 850hpa (circa 1400 metri), sfocerà sul nord Italia nel corso di domani pomeriggio (domenica) dopo aver superato la Alpi Dinariche. Essa dilagherà sul Golfo di Trieste e tutto l’alto Adriatico attraverso forti raffiche di Bora anche oltre i 120 km/h che faranno repentinamente crollare la temperature e soprattutto l’umidità. L’impatto dell’aria gelida sul Mediterraneo sarà eloquente : il contrasto tra la secca e gelida aria siberiana e l’umidità presente in pianura Padana darà origine a rapide e locali nevicate tra Veneto, Emilia, Lombardia e Piemonte, specie su cuneese e torinese dove avremo anche il fenomeno dello “stau” ad incrementare le precipitazioni nevose, ovviamente sino in pianura. I fenomeni tuttavia saranno molto rapidi e saranno poi sostituiti dal cielo sereno e dal gelo siberiano.

Il flusso gelido scorrerà anche sul mar Adriatico interagendo con Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia tra domani pomeriggio/sera e l’inizio della nuova settimana, almeno sino a martedi. Il passaggio dell’aria gelida nei bassi strati atmosferici (caratteristica principale del gelo siberiano, molto pesante, denso e gelido alle quote medio-basse) sulla superficie marina, nettamente più mite, comporterà l’innesco dell’ASE (Adriatic Snow Effect), ovvero la formazione di nubi cariche di neve che raggiungeranno i settori adriatici provocando nevicate diffuse sin sulle coste.

L’aria gelida, irrompendo nel mar Tirreno, darà vita anche due basse pressioni tra domani e lunedi, i quali scorrendo verso est (verso il mar Ionio) causeranno maltempo diffuso con nevicate a quote bassissime su Campania, Basilicata, Molise e Puglia. Possibilità di nevicate sparse fino in pianura anche nel Lazio nella tarda serata di domani. Maltempo anche su Sicilia e Calabria ma con quota neve, domani, oltre i 900/1000 metri di quota e lunedi oltre i 600/700 metri.

La neve potrà imbiancare i settori adriatici tra la Romagna e la Puglia centrale (approssimativamente da Rimini a Bari), localmente anche con accumuli di diversi centimetri specie sulle Marche, in Molise e sul Promontorio del Gargano. Nevicate intense sono attese sull’Appennino centro-meridionale con accumuli superiori ai 40 cm. Dopo i rapidi fenomeni iniziai tornerà il sereno anche sul lato tirrenico tra lunedi e martedi, sebbene con temperature molto basse.

GRAN GELO AL NORD

Le temperature al nord saranno bassissime tra lunedi, martedi e mercoledi, specie nelle ore notturne e all’alba complice il cielo sereno che favorirà l’inversione termica. A ciò potrà aggiungersi anche l’effetto albedo nelle zone dove riuscirà a precipitare un po’ di neve domani pomeriggio/sera, in pianura Padana o su vallate/rilievi. La colonnina di mercurio si porterà abbondantemente sotto lo zero su tutto il nord : non escludiamo valori fino a -13/-14°C in pianura Padana specie tra Piemonte, Lombardia ed Emilia. Temperature fino a -7/-8°C su Trieste con venti fortissimi di Bora, che accentueranno la sensazione del freddo. Minime fino a -5°C in città come Firenze, Roma e anche fino a -7/-9°C su Perugia, L’Aquila, Arezzo.

Andrà “meglio” al sud dove l’aria fredda porterà temperature tra -1 e 4°C su coste e pianure. Più mite solo su Sardegna meridionale, Calabria e Sicilia dove il Buran non riuscirà ad irrompere con tutto il suo gelo. Tuttavia il tempo si presenterà spesso instabile tra domani, lunedi e martedi anche sulle isole maggiori, ma con neve a quote collinari o sui rilievi.

 

TENDENZE METEO PER IL MESE DI MARZO, ancora tanto freddo e maltempo? >>>

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Previsioni Meteo : prossima settimana si ripiomba in inverno. Crollo termico e maltempo?

Falla in WordPress: hacker attaccano il famoso CMS per siti web attraverso noto plugin

Meteo Protezione Civile domani: tempo stabile su tutta l’Italia

Flessione termica dalla prossima settimana, poi una svolta piovosa?