Roma: tantissimi alberi caduti per la neve. Caos e ritardi a treni e aerei.

Nonostante lo stupore e la felicità di molti abitanti della capitale per l’intensa nevicata di questa notte, perdurata fino alle prime ore del mattino, non mancano i disagi e le ripercussioni negative sulla viabilità. 

Numerosi gli alberi caduti nel corso delle ultime ore a causa del peso della neve nella capitale. Vigili del fuoco e carabinieri sono intervenuti in varie strade della città per rami e tronchi caduti su auto in sosta. In particolare in via Giovanni Conti, in zona Montesacro, in via dei Gracchi a Prati e in via Tullio Levi Civita a San Paolo. Molti i rami caduti sotto il peso della neve anche su Via Cristoforo Colombo in direzione del centro. I carabinieri hanno prestato assistenza anche a un automobilista rimasto bloccato sulla Cassia. Sono 65 gli interventi effettuati nella notte dai pompieri a Roma e Provincia. In azione all’alba anche mezzi spargisale sulla Diramazione Roma Sud. 

Fs fa sapere che la «circolazione ferroviaria è fortemente rallentata, a tratti ferma, nel nodo di Roma, a causa delle precipitazioni nevose che stanno bloccando alcuni scambi nelle stazioni del nodo. Il traffico è fortemente rallentato anche su tutte le linee del Lazio che afferiscono alla Capitale, sulla Siena – Grosseto e sulla Verona – Modena. Sul resto della rete nazionale il traffico non registra al momento particolari criticità ma l’attenzione rimane alta a causa delle temperature particolarmente rigide.  Registrati ritardi medi di 120 minuti.

Fermi anche i treni no stop del Leonardo Express tra Roma Termini e l’Aeroporto di Fiumicino , mentre ci sono problemi anche nello scalo: opera con una sola pista (invece che due), rende noto l’Enac, con ritardi e cancellazioni. 

 

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Siccità estrema al nord : si svuota il Lago Maggiore. Po in secca

Frasi e aforismi per la Festa del Papà: trova il pensiero più bello per fare gli auguri

Emirati Arabi : un “buco” nelle nubi, video della “Hole Punch Cloud”

Calo delle temperature al nord, instabilità residua al sud, poi l’anticiclone