Previsioni meteo : ancora perturbazioni nel week-end, freddo e tanto maltempo

Week-end col maltempo al centro-sud. Ancora piogge, temporali e neve. Meglio al nord.

Previsioni meteo/ Proseguirà almeno sino all’inizio della prossima settimana la lunga fase di freddo e maltempo che da giorni attanaglia la nostra penisola. Un inizio di Primavera decisamente coi fiocchi, letteralmente, specie al centro-sud dove domani la neve arriverà sino a bassa quota.

L’apice del freddo proveniente dall’est Europa è atteso tra domani e venerdi, dopodichè tenderà pian piano a perdere consistenza grazie all’arrivo di correnti più umide e miti di origine atlantiche che, gradualmente, spazzeranno via quelle fredde continentali. 
Già dal week-end le temperature tenderanno pian piano a salire ma comunque mantenendosi sotto le medie stagionali : l’aumento termico infatti sarà in parte impedito dalla presenza di altre perturbazioni che nasconderanno il tiepido Sole e favoriranno piogge, temporali e clima più autunnale che primaverile.

se non visualizzi il video, clicca qui >>>

Dunque dopo la fredda perturbazione attesa domani e venerdi al centro-sud, ci aspettiamo una momentanea pausa nella giornata di sabato (con clima ancora piuttosto freddo) ed un nuovo sensibile peggioramento nella giornata di domenica causato da una perturbazione atlantica (che apporterà un lieve aumento delle temperature). In particolare la perturbazione coinvolgerà principalmente le regioni del centro-sud dove avremo piogge diffuse, temporali e venti forti. la neve cadrà in Appennino a quote medio-alte. Per il nord Italia si apre una fase più secca e avara di precipitazioni.

APRILE FREDDO E INSTABILE? LEGGI LE NOSTRE TENDENZE >>

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Siccità estrema al nord : si svuota il Lago Maggiore. Po in secca

Frasi e aforismi per la Festa del Papà: trova il pensiero più bello per fare gli auguri

Emirati Arabi : un “buco” nelle nubi, video della “Hole Punch Cloud”

Calo delle temperature al nord, instabilità residua al sud, poi l’anticiclone