Terremoto in Puglia ed estrazioni petrolifere: ecco il comunicato di Alessandro Amato (INGV)

Dopo la scossa di terremoto che ha fatto tremare questa notte la Puglia, il sismologo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Alessandro Amato ha pubblicato un comunicato, attraverso il suo profilo Facebook, in cui spiega la natura del sisma escludendo categoricamente qualsiasi causa di carattere antropico, vale a dire attività di estrazione nel Mar Adriatico. 

L’ipotesi era stata sollevata da diverse persone soprattutto su Facebook e social network vari, ma già noi dello staff di InMeteo vi avevamo spiegato come questa ipotesi era assolutamente infondata.

Ecco il parere dell’esperto: 

Terremoto di ieri al largo di Brindisi. Magnitudo Richter ML 3.9. Magnitudo momento Mw 3.7. Poco fa mi ha chiamato un giornalista per un parere sulla presunta associazione dell’evento con le attività di estrazione in Adriatico. Ecco le considerazioni che ho fatto:
1) l’ipocentro è tra 25 e 30 km di profondità (ben vincolato sia dalla localizzazione in sala sismica che dal calcolo del momento tensore;
2) il campo petrolifero più vicino è quello denominato Aquila che dista almeno 50 km dall’evento di ieri. Questi due elementi mi portano a escludere una relazione causale tra attività estrattive/reiniettive e terremoto. Non riesco a immaginare un meccanismo di trasferimento degli sforzi tra le due zone che possa far muovere una faglia. Ho anche ricordato che anche nelle aree geologicamente “stabili” come quella, una sismicità rara è sempre presente, dovuta a deformazione della crosta, anche se molto lenta. Contrariamente a quanto spesso sento dire, la Puglia ha avuto in passato eventi molto forti. Basti pensare a quello del 1627 (Gargano) e a quello c.d. di Nardò del 1743.

Comunque il terremoto di ieri è stato avvertito molto bene in tutta la Puglia, anche a causa della struttura crostale della regione, caratterizzata da una bassa attenuazione delle onde sismiche.

Fonte: https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=515967955467202&id=100011620057542

 

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Viking Sky in avaria nel mare del Nord: impressionante video dalla nave

Ultim’ora: nave da crociera in avaria nelle acque norvegesi, a bordo 1.300 persone

Pacifico: l’isola di plastica è 16 volte più grande del previsto e continua a crescere

ANALISI MODELLI: occhi puntati sul RAFFREDDAMENTO della prossima settimana

Sabato 23 marzo 2019: oggi festeggiamo la Giornata Mondiale della Meteorologia