Meteo Protezione Civile: residuo maltempo e ancora venti forti nella giornata di Pasqua

La giornata di domani, Domenica di Pasqua, vedrà ancora residua instabilità al centro-sud e venti forti, che si attenueranno nel corso della giornata. 

Ecco il bollettino della Protezione Civile:

Previsioni meteo Domenica 1 Aprile 2018

Precipitazioni: 
– sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania meridionale, settori tirrenici di Basilicata e Calabria settentrionale, con quantitativi cumulati generalmente moderati;
– isolate, localmente anche a carattere di rovescio o breve temporale, su Toscana e Umbria orientali, settori occidentali di Marche, Abruzzo, Molise e Puglia centro-settentrionale, Lazio orientale e meridionale, restanti zone della Campania, Calabria settentrionale ionica e centrale tirrenica e resto della Basilicata, con quantitativi cumulati generalmente deboli, puntualmente moderati sui settori costieri della Campania centro-settentrionale.
Nevicate: al di sopra dei 1200-1400 m sui settori appenninici centrali, con apporti al suolo deboli, in rapido esaurimento; inizialmente al di sopra dei 1300-1400 m sull’Appennino meridionale, con apporti al suolo da deboli a localmente moderati.
Visibilità: nessun fenomeno significativo. 
Temperature: in sensibile calo sulle regioni meridionali; massime in locale sensibile aumento al Nord.
Venti: forti o di burrasca dai quadranti occidentali su Sardegna, Sicilia e regioni meridionali peninsulari; localmente forti dai quadranti occidentali sulle restanti regioni centrali; ovunque in attenuazione.
Mari: da agitati a molto agitati i mari occidentali e lo stretto di Sicilia; localmente molto mossi l’Adriatico centro-meridionale e lo Ionio; tutti con moto ondoso in attenuazione.

 

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Meteo Protezione Civile domani: instabilità al Sud, temporali sulla Sicilia

Festa in Puglia per la donna più longeva d’Italia: compie 116 anni Maria Giuseppa Robucci

Intensa scossa di terremoto in Francia: paura a Bordeaux