Terremoto al Centro: commissaria Paola De Micheli: “bisogna ricontrollare tutto, sono preoccupata”

Dopo la nuova forte scossa di questa notte, magnitudo 4.7 con epicentro nella zona di Muccia (Macerata), c’è molta apprensione e paura fra la popolazione locale, già provata per lo sciame sismico in atto ormai da quasi due anni.

Inoltre, a seguito della scossa, sorge il problema di dover tornare a controllare i danni, già contati e archiviati, in un’area piuttosto ampia: come afferma la commissaria alla Ricostruzione, Paola De Micheli, servirà portare nell’Alto Maceratese squadre di vigili del fuoco e geometri.

“Dobbiamo rifare un lavoro davvero oneroso. Sono molto preoccupata. Stiamo facendo una serie di controlli sulle casette Sae, le soluzioni abitative per l’emergenza già installate a Pieve Torina. Per ora non ci segnalano problemi. La chiesa di Santa Maria di Varano, da cui è crollato il campanile, era in zona rossa, ma era agibile, senza puntelli. Ora è stata chiusa. Delle vecchie case di Muccia e Pieve Torina poche erano ancora abitate. Ora è necessario rivedere tutto: quali hanno avuto nuovi danni e di che entità. La priorità è organizzare gli interventi per le prossime ore”. Anche nelle zone di Visso, Castelsantangelo, Ussita, fortemente colpite, appunto, nel 2016.

“Abbiamo accelerato molto la ricostruzione pubblica, stavano partendo le gare. Noi continueremo. La mia preoccupazione e’ che sulla ricostruzione privata possa passare la voglia“. “Lo Stato ricostruisce le case private se c’e’ un’espressa volonta’ e una richiesta del cittadino, ma se si diffonde la paura e la sfiducia che gia’ in parte per varie ragioni c’era prima e’ del tutto evidente che questo percorso si rallenta ulteriormente, nonostante le procedure semplificate.  

Casette? Abbiamo dovuto trovare aree idonee, e quello che sta succedendo oggi dimostra che la prudenza che ci abbiamo messo e’ stata corretta. Quella zona non ha solo il massimo del rischio sismico, ma anche il massimo del rischio idreogeologico ed idraulico, per questo abbiamo individuato aree che non corressero rischi di allagamenti, visto che andavamo verso l’inverno. Questo ha ritardato gli insediamenti, ma credo che sia stato un ritardo di prudenza giusta. E con il senno di poi, oggi dico che e’ stato giusto cosi”

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, Giovedì 20 Luglio

Previsioni Meteo : altro week-end da dimenticare. Altri temporali in arrivo da nord a sud

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 18 Luglio 2018 (ultimi terremoti, orario)

PREVISIONI METEO: caldo intenso al sud ma ben presto un ritorno dei temporali al nord
Meteo a 15 giorni: l’estate continua tra alti e bassi

Link rapido alle PREVISIONI METEO delle principali città d’Italia:


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti