Catastrofica eruzione del Fuego in Guatemala : la gente inseguita dalla terribile colata piroclastica [VIDEO]

Immagini spaventose dal Guatemala. Eruzione catastrofica del Fuego che travolge case e persone. Tante le vittime.

Cresce di ora in ora il bilancio delle vittime in Guatemala a seguito della terribile eruzione esplosiva del Fuego, pericoloso vulcano del centro America. Dalle ultime notizie vengono confermate le 62 vittime mentre sono centinaia i feriti, alcuni anche gravissimi.

La situazione è critica : i soccorsi stanno avendo tantissime difficoltà nella ricerca dei dispersi e nel riconoscimento delle vittime, letteralmente tramutati dai gas e dalla cenere incandescente. L’eruzione è stata di grosse proporzioni e non ha lasciato scampo agli abitanti alle pendici del vulcano, non lasciando nemmeno il tempo di fuggire. I danni maggiori sono stati causati dalla nube piroclastica, ovvero un vasto fronte di cenere e gas ad altissime temperature che, pochi istanti dopo l’esplosione del vulcano, si è gettata a gran velocità in tutte le direzioni bruciando ogni cosa incontrasse sulla sua strada. Spaventose le immagini che arrivano dal Guatemala che ricordano il disastro di Pompei.

Ora la situazione sta pian piano tornando alla normalità, geologicamente parlando, come affermato anche dagli esperti : il rischio di nuove eruzioni di tale portata è molto limitato, di conseguenza, nel corso dei prossimi giorni si potranno svolgere con maggiore tranquillità le operazioni di soccorso”.

se non vedi il video, clicca qui >>>

Impressionante questo video che giunge dalle pendici del Fuego, dove la gente cerca di fuggire alla terribile nube piroclastica che sopraggiunge a grandissima velocità (anche superiori ai 200 km/h).

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ultim’ora: nave da crociera in avaria nelle acque norvegesi, a bordo 1.300 persone

Pacifico: l’isola di plastica è 16 volte più grande del previsto e continua a crescere

Polo nord : l’artico raggiunge la massima estensione invernale. Estensione però sotto la media

ANALISI MODELLI: occhi puntati sul RAFFREDDAMENTO della prossima settimana

Sabato 23 marzo 2019: oggi festeggiamo la Giornata Mondiale della Meteorologia