Previsioni Meteo : ancora tanto vento, ma l’anticiclone africano è dietro l’angolo!

Ancora fresco e vento in settimana, ma l’anticiclone africano riporterà il caldo!

Previsioni meteo / Aria fredda di origine artica, proveniente dalla Scandinavia, continua a sferzare la nostra penisola e in particolare le regioni del centro-sud dove le temperature si presentano fortemente sotto media ed il tempo particolarmente instabile come da anni non si verificava. Di fatto questo mese di giugno ha tutte le carte in regola per diventare il più piovoso di sempre per regioni come Sicilia, Calabria e Puglia.

Le correnti fresche provenienti da nord continueranno a sferzare il centro-sud almeno fino a venerdi mantenendo le temperature diffusamente sotto i 25°C ed il tempo ancora piuttosto instabile, specie sui settori interni e montuosi. Va nettamente meglio al nord dove le temperature sono già in deciso aumento grazie alla protezione offerta dall’arco alpino che blocca ogni avanzata fredda proveniente dal nord Europa.

se non vedi il video, clicca qui >>>

La situazione si sbloccherà definitivamente nel corso del week-end : l’alta pressione sub-tropicale avanzerà verso il Mediterraneo per la prima volta nel corso di giugno e favorirà un deciso miglioramento del tempo su tutta Italia, oltre che un generale e netto aumento delle temperature. In particolare il totale miglioramento del tempo avrà inizio da domenica, visto che sabato le raffiche di maestrale residue potranno ancora interessare il centro-sud seppur con cieli sereni.

Da domenica, dunque, l’alta pressione conquisterà l’Italia e introdurrà aria decisamente calda di origine africana che farà lievitare le temperature ben oltre i 30°C su molte aree della nostra penisola. Le condizioni di maggior stabilità le ritroveremo al centro-sud mentre al nord qualche temporale serale sarà spesso possibile, principalmente sui rilievi alpini e prealpini. 
L’anticiclone potrebbe garantire tempo stabile per gran parte della prossima settimana, ovvero per la prima settimana di luglio!

Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK