Catastrofe in Giappone: oltre 170 morti nella zona di Hiroshima per tremende alluvioni

Si fa sempre più grave il bilancio della terribile ondata di maltempo che ha colpito il Giappone negli ultimi giorni. 

Stando agli ultimi aggiornamenti, le alluvioni che hanno martoriato l’area occidentale del Paese hanno provocato finora 176 morti. Alcune decine di persone risultano tuttora disperse e per tanto il bilancio potrebbe ulteriormente aggravarsi.

Piogge da record hanno causato importanti alluvioni e smottamenti che hanno travolto le case in una vasta area. Il maggior numero di morti si è registrato nella zona di Hiroshima.

Mentre si continua a cercare le persone che ancora mancano all’appello, circa una sessantina, l’agenzia nazionale lancia una nuova allerta: nei prossimi sette giorni infatti le temperature nelle aree devastate dalle alluvioni potrebbero superare i 35 gradi. Almeno 7.200 residenti costretti a lasciare le proprie abitazioni e costretti a vivere nei centri di accoglienza, sono a rischio di colpi di calore e intossicazioni alimentari, per via del caldo persistente.

Secondo il ministero della Salute giapponese, l’approvvigionamento di acqua potabile risultava interrotto in 255mila case in 12 prefetture, e quasi 16mila complessi abitativi hanno subito il blocco delle linee telefoniche e la connessione a internet.

Per garantire la sicurezza dei lavoratori anche alcune grandi aziende automobilistiche come Mazda e Daihatsu hanno dovuto sospendere la produzione nei loro stabilimenti a Kyoto, Hiroshima e Yamaguchi. 

Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK



Altri articoli


Ultim’ora: nave da crociera in avaria nelle acque norvegesi, a bordo 1.300 persone

Pacifico: l’isola di plastica è 16 volte più grande del previsto e continua a crescere

Polo nord : l’artico raggiunge la massima estensione invernale. Estensione però sotto la media

ANALISI MODELLI: occhi puntati sul RAFFREDDAMENTO della prossima settimana

Sabato 23 marzo 2019: oggi festeggiamo la Giornata Mondiale della Meteorologia